Niente più Scuse: Minimalismo per Genitori
Molti di noi pensano che il minimalismo sia impossibile in una casa in...
Montessori - Il Decalogo dell'Educatore
Nei giorni scorsi, sfogliando gli appunti presi durante la mia formazione...

Le Tinture Naturali: Il Cavolo

Ed ecco finalmente il risultato dei nostri “esperimenti del cavolo“.

Ingredienti: un cavolo, un po’ d’acqua, aceto, e due matasse di lana. Una di lana d’Abruzzo e una di morbida merinos filata a mano prima che il mio arcolaio finisse in un angolo del garage (in attesa di periodi meno frenetici) e già tinta a suo tempo con i coloranti alimentari.

Il procedimento è sempre lo stesso descritto qui:

1 – mettere il cavolo tagliato a pezzetti in una pentola con poca acqua e portare ad ebollizione

2 – scolare (recuperando l’acqua, ovviamente)

3 – specchiarsi nel brodino di cavolo e scattare una foto

4 – aggiungere un (bel) po’ di aceto, immergere le matasse e portare il tutto ad ebollizione

Lasciar raffreddare, strizzare delicatamente e stendere. Il risultato è molto più rosa di quanto pensassi ma, asciugandosi, tende a scurirsi.

Ma non è tutto: avevate mai notato che in ogni cavolo si nasconde uno splendido mandala?

Noi non abbiamo resistito alla tentazione di fare qualche pasticcio. Mi sono venute in mente le “Rose nell’insalata” di Munari…

E con l’acqua recuperata dopo aver strizzato le matasse, Chiara si è divertita a fare nuovi esperimenti con il colore.

Io stessa sono rimasta a bocca aperta (mi basta poco, eh?) nel vedere il viola diventare azzurro man mano che si asciugava.

Qui potete vedere anche i nostri esperimenti con la mimosa:

su carta

su lana e seta

*****

E per chi aspettava il “responso” del mio appuntamento di ieri alla scuola Montessori, la risposta è sì. Da settembre inizierò a lavorare come assistente nella classe dei piccolini (nella quale ci sarà anche la mia piccola Chiara). Contemporaneamente, inizierò un percorso di formazione, che non so ancora dove mi porterà…

 

Commenti

  1. dice

    Intanto complimenti per il colore “del cavolo” che avete creato, è un rosa molto bello e delicato, almeno in foto,che io amo molto. Per la scuola che dire…è il mio sogno, vivilo anche per me! Un abbraccio forte e ti devo dire che mi stupisco sempre di più a quanto ci si può affezionare ad una persona via web, sono emozionata per te!

  2. dice

    Cavoli, Claudia! Che grande avventura! Un po’ alla volta ci farai partecipare alle bellissime cose che farete tu, Chiara e gli altri bimbi, vero?
    Che bello anche sapere di partire fra mezzo anno, cosí comunque rimane ancora abbastanza tempo per organizzarsi e abituarsi all’idea di cambiare il ritmo di tutti i giorni. Non resta altro che farti i migliori auguri!!!

  3. ChiaraT dice

    Complimenti! E’ un lavoro splendido e penso proprio che sia fatto per te…. Bello l’esperimento!
    Un abbraccio
    PS: Anche per me ieri è stata una giornata importante dal punto di vista lavorativo…ho avuto una proposta e l’ho accettata in questo modo potrò stare molto più tempo con il mio Lorenzo che ha 1 anno sono veramente felice!

  4. sere dice

    buongiorno claudia.
    sono 1 po invidiosa sai? io ho tanti progetti (molto piccoli e modesti) in testa, ma rimangono tutti lì… naturalmente ti faccio tanti sinceri auguri x la tua nuova futura avventura. piacerebbe così tanto a me lavorare coi bambini che sono davvero tanto contenta che tua bbia accettato la collaborazione con la scuola, in questo modo partecipo 1 po anche io. … e complimenti anche x la tintura, mi stai tentando molto con queste proposte di colore. buona giornata!

  5. nadia dice

    Sono felice per te, per il nuovo lavoro, per il tuo nuovo percorso.Sono sicura che ti darà tanto come tu darai tanto ai bimbi. un abbraccio

  6. donatella dice

    uuuaaaaaaaaaaaauuuuuuuuuuuuuuuuu
    uuuuuuaaaaaaaaauuuuuu per tutto
    per il cavolo e la lana che sono uno spettacolooooo
    e per la scuola! sono davvero incredulaaaa ma che belloooooo claudia tienici informate così dal tuo lavoro potremmo imparare tanto anche noi !!!molto molto felice per te !!!!ma chiara entra in una sorta di materna…no non è anticipataria…la mia lo sarebbe…..nelle scuole montessori prendono gli anticipatari ??
    1000 in bocca al lupo !!!

    • Claudia dice

      Anticipataria significa che non avrà ancora tre anni a settembre? In questo caso chiara sarebbe anticipataria. Sì, in genere nelle scuole montessori li prendono…

      • donatella dice

        no no chiara è regolare…qui gli anticipatari sono i bimbi dell’anno successivo nati entro il 30 aprile–del 2009 in questo caso–e qui sono poche le scuole che li prendono…alcune poi a partire da gennaio…

  7. donatella dice

    a proposito ..beati quei bambini che ti avranno come assistente !!! ma se iscrivi i tuoi tre bimbi mi auguro ti faranno un bello sconto sulla retta!!!se non sono indiscreta ……effettivamente è molto ?e cè differenza tra retta di materna e della primaria?

    • Claudia dice

      Sì, i miei figli pagheranno una quota “preferenziale” decisamente abbordabile. Non c’è differenza tra materna e primaria (450€ al mese!) ma la tariffa diminuisce proporzionalmente se ci sono più bambini.

  8. Lucia dice

    complimenti, sono davvero felice per te. io non commento mai, ma il tuo blog è, per me, un appuntamento quotidiano

  9. giulia dice

    Come dice la mia amica My “l’amore che dai è l’amore che resta”, sono convinta che tu, quotidianamente metti davvero tanto amore nelle cose che fai.
    La nuova avventura sarà una ulteriore opportunità e sono certa che ci saranno molti spunti.
    un abbraccio e tanti tanti incrocini per te.

  10. dice

    E’ incredibile quanto si possa imparare con poco, e quanto si possa fare con un sano spirito di osservazione. Il Mandala poi… e quei colori che si asciugano…
    e per quanto riguarda la scuola Montessori.. beh che dire? :)

  11. roberta dice

    Che meraviglia!!! Ma la lana filata da te poi l’hai unita con un filo per stabilizzare la torsione? Che filo?
    Grazie e scusami ma sono ai primi esperimenti con il fuso :-)

  12. elena dice

    Congratulazioni!!! Sarà una bella avventura, quella montessoriana, ne sono certa! In bocca al lupo allora per questo nuovo cammino!

  13. dice

    Ma dove la prendi tanta energia?!
    Auguri per il nuovo lavoro… ma non è che poi sarai troppo impegnata e ci trascurerai il blog, vero?
    Qui ci sono un bel po’ di claudia-dipendenti!!!!!!

  14. lavinia dice

    ciao cara
    non posso trattenermi dal suggerirti uno sviluppo ulteriore ai tuoi esperimenti del cavolo!
    in realtà la mistura bluastra che ottieni con il cavolo bollito diventa rosa se ci metti aceto o limone… se la diluisci un po’ in un bicchiere puoi vedere bene il cambimento da blu a rosa quasi fucsia.
    ma a metterci un po’ di bicarbonato …
    oppure (con le dovute precauzioni) un po’ di detersivo x lavapiatti…
    in realtà il cavolo è un indicatore di ph, a seconda dell’acidità che la soluzione raggiunge cambia colore in modo sorprendente…
    i bambini possono sbizzarrirsi a trovare altre sostanze che sono più o meno incolori ma fanno cambiare il colore della soluzione del cavolo. …si può fare un bell’arcobaleno!
    pezzettini di carta intinti nella mistura di cavolo e poi asciugati sono rudimentali cartine al tornasole.
    buon divertimento!
    ciao

    • Claudia dice

      Wow! Grazie! Proveremo senz’altro…
      Per caso mi sai anche dire come mai la lana, una volta asciutta, è diventa viola in alcuni punti e rosa in altri?

  15. Magda dice

    Cara Claudia, in bocca al lupo per la nuova avventura!! Sicuramente ci terrai aggiornate!! Una domanda per la tintura: una volta lavato in lavatrice o a mano, il colore resta?

  16. mammamoni dice

    meravigliaaaaaaaaaa!!!!!!! tutto, intendo: gli esperimenti col cavolo, i colori, i mandala, la lana, e la tua nuova avventura!!!
    brava Claudia!

  17. barbara f. dice

    ma quante belle notizie! stupendi i tuoi esperimenti con la lana e i colori della natura!
    riesci sempre a stupire! e non con poco, te lo assicuro…quelle che proponi sono le cose più semplici ma anche le più grandi belle.
    grazie di tutto e sono proprio contenta per te e per le tue nuove prospettive.

    chissà quanto darai e riceverai dalla nuova realtà lavorativa!

    baci

    barbara

  18. Annalisa dice

    Congratulazioni Claudia, di cuore! Non lasciar andare il blog, però, eh! Sei una grande fonte d’ispirazione e leggere di te e della tua famiglia ogni giorno scalda il cuore. Un grande in bocca al lupo per tutti i tuoi progetti.

  19. dice

    Che dire, questo NON è – nonostante le ovvie apparenze- un esperimento..del cavolo! hihi Bello quel rosa! e io ho avuto lo stesso effetto (brodo viola-risultato rosa) tingendo (a freddo) della seta con i fiori di Morning Glory. Appena ho aggiunto l’aceto zac! La brodaglia ha cambiato colore. Il mio rosa è uscito un pò più chiaro però. Ora devo fare la prova di tenuta in lavatrice. Ma ho letto che più giorni fai passare fra la colorazione e il lavaggio, meglio è per la tenuta.
    Curiosità.. sapevi che certi processi di tintura con le erbe prevedevano la mordenzatura del tessuto prima, poi ANNI di ‘riposo’ affinchè il mordente avesse il massimo effetto e poi finalmente la tintura. Ero incredula..
    Ovviamente ti faccio anch’io i miei complimenti per la tua nuova avventura lavorativa, brava!

  20. dice

    Bellissima l’idea del cavolo…e ovviamente l’abbiamo provata subito provando a tingere un maglioncino del bimbo piccolo !! (…tanto è in arrivo una cuginetta…quindi il rosa va benissimo)

    Un grazie di cuore da parte di mio marito…che per cena aspettava i crauti …e invece si è ritrovato un maglioncino tinto di rosa!!! ;-)

  21. Tania dice

    Si faccio un salutino anch’io inutile ire brava e si sà la Francia offre molto per le mamme e chi ha voglia di sorprendersi come te brava per il cavolo, forse la differenza di colore viola e rosa può essere che prima di intingere la lana ci devi mettere acqua, aceto mescolare far amalgamare il colore ma il contenitore delle tinure non è mai stretto e profondo ma largo ampio e basso dimodo che la lana possa comodamente assorbire.

  22. daniela dice

    Che bello! Sai che io con Le rose nell’insalata di Munari mi sono divertita un sacco? Ho decorato carta da pacco bianca per farne carta da regalo, viene bellissima. Sul tingere la lana non ho esperienza ma non si sa mai….
    Un abbraccio a te e alla tua bellissima famiglia.

  23. Denise dice

    Bellissimo l’esperimento, spero di riuscire a provare un giorno!
    Complimenti per e in bocca al lupo per la nuova avventura!

  24. dice

    é bellissimo!!! davvero, che voglia di farlo anche io!! e lo faro! ma tu dove sei in francia? io a toulouse. mi piacerebbe molto incontrarti, facciamo degli stage di colorazione della lana?
    ah, una pregunta: che t po di aceto metti per i colori?
    grazie bacioni e complimenti!
    silvia

Lascia un commento