10MinYoga
Vi ho parlato nei giorni scorsi dei nuovi progetti in cantiere. Uno di questi è...
Yoga al Mammacheblog
Quante volte mi avete detto che vorreste fare yoga con me? Ecco finalmente una prima...

Jean Piaget e lo sviluppo cognitivo del bambino

JP

Scienziato, psicologo e filosofo, contemporaneo di Rudolf Steiner e di Maria Montessori, le sue teorie sullo sviluppo cognitivo del bambino hanno più di un punto in comune con i due illustri personaggi sopra citati.

La Montessori, in particolare, cita spesso Piaget come fonte di ispirazione. Proprio come la sua collega, Piaget ebbe occasione di lavorare con i malati mentali.

Nato a Neuchatel (Svizzera) nel 1896, Piaget seguì inizialmente una formazione scientifica, per poi orientarsi verso la psicologia. Iniziò ad occuparsi di psicologia dello sviluppo quasi per caso. Diventato padre, continuò a studiare lo sviluppo dell’intelligenza e del linguaggio anche attraverso i suoi tre figli.

“La nascita dell’intelligenza nel fanciullo” (edito da Giunti e Barbera) è considerato la sua opera più importante. E’ qui che Piaget introduce la sua teoria detta costruttivista. Secondo Piaget, lo sviluppo intellettuale del bambino procede per stadi (con alcune differenze, ritroviamo questa teoria anche nelle opere di Rudolf Steiner e di Maria Montessori). Il bambno passerebbe quindi da un’intelligenza essenzialmente pratica, allo sviluppo graduale del pensiero astratto.

Gli stadi di sviluppo definiti da Piaget sono:

- Stadio senso-motorio (dalla nascita ai due anni): il bambino esplora il mondo attraverso i sensi. L’acquisizione principale, in questo stadio, è la permanenza dell’oggetto.

- Stadio pre-operatorio (dai due ai sette anni): il bambino padroneggia ormai il linguaggio, così come le nozioni di spazio-tempo e di quantità. Non è ancora in grado di padroneggiare concetti astratti, ma inizia a ragionare attraverso le parole e i simboli.

- Stadio operatorio o delle operazioni concrete (dai sette agli undici anni): il bambino inizia a concettualizzare, a padroneggiare i ragionamenti logici.

- Stadio formale o delle operazioni formali (dagli undici anni in poi): il bambino è ormai in grado di elaborare delle ipotesi e di sperimentarle. E’ ormai pronto per affrontare questioni di ordine morale.

Uno degli argomenti che Piaget affrontò con grande interesse è quello del linguaggio. Opponendosi alle teorie genetiche del linguista americano Noam Chomsky, Piaget sosteneva che il linguaggio fosse costituito dalla continua interazione con l’ambiente circostante.

Piaget incoraggia genitori ed educatori a permettere ai bambini di sperimentare direttamente invece di relegarli al ruolo di semplici spettatori delle esperienze altrui. A lasciarli tentare e anche sbagliare. Perché è così che si impara davvero.

A chi volesse approfondire l’argomento, consiglio i seguenti testi di Piaget:

La nascita dell’intelligenza nel fanciullo (Giunti e Barbera)

La psicologia del bambino (Einaudi)

La rappresentazione del mondo nel fanciullo (Bollati Boringheri)

A chi invece voglia integrare le informazioni (ovviamente molto, molto sintetizzate) da me fornite in questo post, passo la palla nella sezione dei commenti.

Steiner e Montessori: due metodi a confronto

Diapositiva1 - Copia

Questi due personaggi, praticamente contemporanei, hanno lasciato un’impronta importante nel campo della pedagogia. I loro metodi vengono spesso contrapposti, discussi, fraintesi. Ricevo molte mail con richieste di informazioni in materia.

Oggi proverò a mettere a confronto il metodo Waldorf (o steineriano) con quello Montessori.Continue Reading

La Cesta dei Tesori

 

068

Il mercato pullula di giochi per neonati. I negozi sono pieni di oggetti che, con la dicitura “0+” autorizzano a bombardare un piccino di pochi giorni con suoni, luci e stimoli in genere, promettendo di farne un piccolo genio.

Il bambino piccolo non ha bisogno di tutto questo. Se è vero che ha bisogno di stimoli per aprirsi al mondo, è anche vero che nel volto della mamma, del papà, dei fratelli e sorelle così come nella propria casa o nelle strade del suo quartiere il bambino trova tutti gli stimoli di cui ha bisogno nei primi mesi di vita.Continue Reading