C’è una vita dopo le notti insonni

Hai un bambino insonne? Ti presento Leonardo, 15 anni. Per i primi 7 mesi di vita non ha fatto che piangere a meno che non fosse in braccio, e non ha mai dormito più di un’ora di fila. Fino ai 3 anni non ha mai fatto una notte completa


Non stava mai fermo. MAI. Spesso ci chiedevano se fosse iperattivo, ma il nostro medico ha escluso questa possibilità. Alla maestra che – alla scuola materna – gli ha chiesto di colorare senza uscire dai bordi, ha risposto “Ma io sono un artista!” (e lei: “Non voglio artisti nella mia classe”).


Oggi è un ragazzo sensibile, sincero, altruista. È bravissimo a scuola e cintura marrone di judo (disciplina che lo ha aiutato, negli anni, a bilanciare la sua estrema sensibilità sviluppando una grande forza non solo fisica ma anche mentale). Raramente ci troviamo in conflitto con lui, nonostante questa sia per molti un’età difficile (eh vabbè, noi l’età difficile l’abbiamo avuta all’inizio!). Quando ci capita di avere divergenze di opinioni lui ci minaccia scherzosamente: “Se non la smettete l’anno prossimo vado a studiare a Parigi/Torino/Londra…” eccetera. Continua a dormire pochissimo, ma adora leggere e disegnare e occupa in questo modo le ore di veglia “extra”.

Perché ti racconto tutto questo? Non certo per vantarmi di quanto sia bello e bravo mio figlio ma perché in quei primi anni durissimi, durante i quali pesavo 40kg e avevo due occhiaie fino alle ginocchia, credevo di essere stata sfortunata. Di aver avuto un bambino “difficile”. Oggi invece ne farei altri 10 come lui, anche se sapessi di dover attraversare di nuovo le stesse difficoltà.

Se hai un bambino “difficile”, quindi, non disperare. Sono fasi che passano e dal bozzolo spesso esce una meravigliosa farfalla.

Leggi anche: La maternità: un sogno?

Perché mettiamo i bambini a dormire da soli?

I miei libri