10MinYoga
Vi ho parlato nei giorni scorsi dei nuovi progetti in cantiere. Uno di questi è...
Yoga al Mammacheblog
Quante volte mi avete detto che vorreste fare yoga con me? Ecco finalmente una prima...

Storia di un Maglioncino

20131229-162707.jpg

Dopo il maglioncino viola commissionato da Gloria, anche Chiara mi ha fatto la sua richiesta: ne voleva uno rosa. Credevo di avere abbastanza merinos otto rosa da parte per un bel golfino a punto riso. Arrivata a questo punto (foto sopra) ho invece dovuto constatare che ne mancava giusto un pochino.

Che fare? Disfare e ricominciare riducendo le dimensioni? Disfare solo il fondo e accorciare il tutto per recuperare un po’ di lana? Terminare con un altro colore?

Ho optato per quest’ultima soluzione, con delle strisce di spessore decrescente per il rosa e crescente per il color fragola.

Per la chiusura ho aggiunto un nastrino liberty, ed ecco accontentata anche la piccola.

Tutto è bene quel che finisce bene. Ora, visto che Leonardo mi ha gentilmente informata che non desidera, quest’anno, maglioncini fatti a mano, posso pensare a fare qualcosa per me.

20131229-162737.jpg

 

 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Commenti

  1. dice

    Ciao! Ma è fatto tutto in un pezzo unico? Non è che potresti mettere lo schemino per farlo? Io sono negata per le misure e la mia bimba è grande come la tua quindi andrebbe bene!!!!!! :-) :-)

  2. dice

    mamma mia, ma quanto crescono in fretta i bimbi! Rimango sempre impressionata dalle foto di Chiara, che nella mia testa è ancora quel pulcino che saliva e scendeva dal lettino modificato quando ho conosciuto il tuo blog la prima volta! Ma quanto tempo è passato?

    Bello il maglioncino così! Il color fragola gli da più carattere! Mi piace molto l’idea delle righe progressive, è proprio carino!

  3. dice

    Questo è proprio pane per Le Pecionate! Cominciare una cosa e trovarsi a metà (o meglio 3/4) e scoprire che le cose non stanno andando come si era immaginato è il mio forte.
    Trovare soluzioni così simpatiche invece è il difficile. :)

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *