Mamma Imaginarium e la Testimonial Ideale
Come già sapete, gli sponsor di questo blog sono selezionati in base ad...
I nostri dolci momenti con Kinder Diario
Nelle scorse settimane mi è stato proposto di testare la nuova app di...

Un Asana a Settimana: Pashimotânâsana

Pashimotânâsana

Dopo la candela e il saluto al sole, ecco l‘asana di questa settimana. Si chiama Pashimotânâsana, la pinza. Questa posizione rinforza gli organi e i muscoli addominali, migliora la flessibilità della colonna vertebrale e favorisce la digestione. È indicata per combattere l’ansia e per contrastare la cellulite. Insomma, un sacco di buoni motivi per mettersi subito all’opera. Ecco come procedere:

Seduti a terra, gambe tese, «dritte come bastoni». Schiena diritta. Inspirare. Espirando, piegarsi in avanti fino ad afferrare i piedi (o i polpacci, o fin dove arrivate) allungandosi il più possibile. Mantenere la posizione per almeno un minuto respirando tranquillamente attraverso il naso, poi tornare lentamente alla posizione seduta.

Potete praticare questo asana da solo per tutta la settimana oppure associarlo a Viparita Karanî e  Surya Namaskar.

Commenti

  1. dice

    Ciao! Quando uno è un po’ più allenato a quanti minuti dovrebbe arrivare per ogni posizione? So che volendo si potrebbe stare fermi anche ore, ma io, ad esempio io ho mezz’ora al mattino, quante posizioni e per quanto tempo l’una la fanno diventare proficua? Grazie ancora!

  2. dice

    Questa è una posizione che non sapevo fosse un’asana e che pratico ogni sera. E’ la formula magica per il mio benessere fisico. Afferrare i piedi con le mani, come fai tu nella foto, mi è costato anni di esercizio, esercizi anche diversi da questo. Ho iniziato mettendomi distesa sul pavimento con gambe a squadra sul muro. Poi, un po’ alla volta, ho acquistato sempre più flessibilità, fino a riuscire in quella magnifica posizione di cui non conoscevo il nome!

  3. Silvia dice

    Ciao Claudia! Ho 21 e ti seguo da tantissimo ma oggi ho deciso di scriverti.
    Mi hai fatto innamorare dello yoga con tutti i tuoi post anno per anno e ho provato a cercare qualche scuola o palestra che lo insegnasse, qui da me. Purtroppo mi sono dovuta scontrare con i prezzi altissimi (dai 40 in su al mese) per lezioni bisettimanali.
    Sono una studentessa universitaria, i miei mi pagano affitto e tasse quindi non ho proprio modo di pagare così tanto. So che probabilmente sarei ripagata da tanto benessere ma ora non è proprio possibile.
    Ho cercato vari corsi online ma nessuna mi ha mai soddisfatta infatti, dopo aver dato un’occhiata, chiudevo tutto senza provare a fare nemmeno mezza posizione. Oggi, invece, il tuo post mi ha colpito perchè da un paio di mesi ho scoperto di essere intollerante al lattosio e questo mi porta tantissimi fastidi e dolori compresa una digestione molto molto faticosa. Mi sono detta ma sì, proviamo! L’ho tenuta un solo minuto ma mi sento molto meglio! Questo mi fa pensare che probabilmente un bel corso sarebbe proprio adatto a me, alla mia ansia e al mio stomaco! Spero, prima o poi, di riuscire magari a trovare un lavoretto per pagarmi il corso, sarebbe un sogno!
    Nel mentre ti ringrazio per queste lezioni e per aver avvicinato il mio cuore e la mia mente allo yoga!
    Grazie! A presto..

Lascia un commento