Montessori: il Grande Equivoco
Nel corso di questi anni vi ho parlato molte volte della mia passione per...
Niente più Scuse: Minimalismo per Genitori
Molti di noi pensano che il minimalismo sia impossibile in una casa in...

La Stagione dei Biscotti

20120905-215810.jpg

Nei giorni scorsi, complice il clima autunnale, ai bambini è venuta voglia di pasticciare in cucina. E io ho potuto sfoderare uno dei miei capricci estivi: le formine ninja in versione capoeira. Le abbiamo decorate con le caratteristiche (capelli, occhi e colore della corda) dei bambini e dei loro insegnanti.

Così mentre aspettiamo che riprendano le lezioni (quest’anno inizierà anche Chiara!) ripassiamo le mosse e le canzoni.

La ricetta è sempre la solita, quella dei nostri omini di pan pepato (che avete già visto in versione scheletro e in versione yogi).

La glassa è realizzata mescolando albumi montati a neve e zucchero a velo, e aggiungendo poi spezie e/o coloranti per ottenere la tinta desiderata.

Unico inconveniente: i bambini non hanno avuto il coraggio di mangiare i maestri. Non hanno avuto pietà gli uni verso gli altri (abbiamo visto teste mozzate e gambe spezzate a tutto andare) ma i maestri no… sono ancora lì in cucina. Sarà buon segno?

E voi, quali attività extrascolastiche avete scelto per i vostri bambini?

20120905-215829.jpg

Commenti

  1. tania dice

    Ciao Claudia ben è tanto che non ti scrivo. Sono Tania da Firenze ti invio i mei saluti e mi chiedevo dove ha comprato le pennette per fare i disegni per la glassa.

    Saluti Tania

    • dice

      Si trovano al supermarcato e contengono già una glassa che però è gelatinosa e impiega un sacco di tempo ad asciugare. Io le ho tagliate e riempite con la glassa fatta in casa.

  2. Stefania dice

    Ciao, un’ottima idea per quando non si potrà uscire. Mio figlio inizierà il secondo anno di materna e come attività extrascolastica ha scelto di sua spontanea volontà il baseball, ha iniziato questa primavera e per fortuna hanno creato una mini squadra di bambini dai 3 e mezzo ai 7 dove giocano si divertono imparando le regole e le tecniche del baseball.

  3. dice

    Sai che io non so ancora se fargli fare qualcosa di extra?
    Avevo pensato al nuoto, poi la pediatra mi ha detto: “sicuri che non sia più fonte di stress che di divertimento?”.
    E io non so, anche perché per poterli portare io dovrei iscriverli al corso del sabato mattina ma i week end sono fatti per riposare, per annoiarsi, per il gioco libero…
    Ci sto pensando…

  4. dice

    Anche per me decidere se fare attività extra è sempre difficile. Lo scorso anno era il primo di scuola elementare e vedendolo molto stanco ho deciso di non impegnarlo ulteriormente….
    ho preferito lasciargli lo spazio per giocare con gli amici o riposare..
    Quest’anno ho pensato al ‘giochiamo allo sport’ che organizzano direttamente a scuola
    nel pomeriggio ed è solo una volta a settimana. Danno la possibilità ai bambini di sperimentare
    tutti gli sport…rimane direttamente a scuola con i compagni, fa merenda con loro e non c’e’ lo stress legato alle corse per accompagnarlo…
    Il piccolo farà il primo anno di materna e va bene cosi’ , il pomeriggio starà con la sua mamma.
    Ho notato che sono sempre decisioni controverse ed io spesso sono stata accusata dalle altre mamme di non portare i miei bimbi a fare attività extra….pazienza ognuno la vede a modo suo…

    • dice

      Io credo che a tre anni sia presto per iniziare, a parte casi particolari in cui un bambino è particolarmente appassionato o, come per Chiara, desideroso di unirsi ai fratelli grandi. Fai bene a non sovraccaricarlo.

  5. Elena dice

    Anche noi ieri abbiamo fatto i biscotti natalizi……….sarà che non vediamo l’ora che sia autunno vero!!
    Il mio grandone, 6 anni, ha deciso per il minirugby e ne sono felice.Mi piace come sport, alla loro età non è troppo imegnativo:un allenamenti di 45 minuti in settimana e uno il 2 ore il sabato mattina.Ecco a me non piace sovraccaricarli durante la settimana, il sabato invece è già fatto (almeno per noi) per andare in giro e comunque svagarsi senza iavere spese o cose varie da fare, quindi si incastra a meraviglia.Il piccolo che ha 4 anni ancora nulla, anche se tempo che appena vedrà matteo all’opera vorrà emularlo, ma per quest’anno lo dissuaderò co tutte le mie armi : )

  6. simona dice

    Riciclerò anch’io i tubetti della glassa pronta, che effettivamente non asciuga più.
    Emma ha deciso di continuare il nuoto il sabato mattina e danza in settimana, Chiara del nuoto non ne vuole sapere…sta aspettando l’età per poter iscriversi a calcio!
    Non potendoli accompagnare noi (sabato a parte) dobbiamo accontentarci di quello che offre il nostro paesello e assecondare i loro gusti.
    Sono un po’ in ansia per l’inizio della scuola e delle attività extra, far incastrare tutto e delegare.
    Ma voglio partire con ottimismo …andrà tutto bene. Spero.
    Simona

  7. annachiara dice

    chiara , 13 mesi, frequenterà come sua sorella prima di lei la “casa dei giochi” :due pomeriggi alla settimana le tate dell’asilo propongono attività “da asilo” ma i bambini frequentano insieme ad un genitore. anna, 3 anni quasi, inizierà la materna … durante l’estate ha cominciato a prendere un pò di confidenza con l’acqua (primo grande traguardo : ci laviamo i capelli piangendo solo un pò !!! evviva !!!! ) quindi mi sarebbe piaciuto iscriverla a nuoto … ma il corso c’è due volte alla settimana e mi sembra eccessivo … già non mi entusiasma l’idea che rimanga tutti i giorni fuori casa per 8 ore … quindi credo che per la piscina aspetteremo un pò

  8. annachiara dice

    P.S. fuori tema : ho ordinato in libreria “la mia mamma sta con me” … non credevo che il lavoro sarebbe mai stato un problema : ho un lavoro che mi appassiona, con contratto a tempo indeterminato, non ho mai perso del tutto i contatti col mondo del lavoro nonostante le due gravidanze mi abbiano tenuto lontano quasi tre anni . da alcuni mesi attendevo con gioia il momento di ricominciare … e invece è stato un disastro. ho iniziato con attacchi di panico tanti e brutti ogni volta che arrivavo al lavoro. ho dovuto mettermi in malattia smettere di allattare per cominciare anche i farmaci. è un momentaccio. nella confusione in cui mi trovo spero di trovare qualche spunto di riflessione…

  9. dice

    carinissimi, devo proprio farli!!
    beh… noi siamo tutta un’attività extra-scolastica, da mattina a sera, dato che a scuola tommi ancora non ci va. però tra un po’ voglio provare a fargli fare i tagli, con forbici e strisce di carta come avevi mostrato tu!!

Lascia un commento