Giochiamo allo yoga!
A quattro anni dalla prima edizione, «Giochiamo allo yoga» è nuovamente...
Mindfulness con i bambini
Qualche tempo fa vi ho parlato della mindfulness, uno stile di meditazione...

Il Rituale della Nanna

In casa nostra, il cosiddetto “rituale della nanna” è uno dei momenti più importanti della giornata. In costante evoluzione, si adatta alle esigenze del momento e alle richieste dei bambini. Abbiamo già parlato dello yoga, del massaggio, della sofrologia, della lettura ad alta voce.

Ultimamente però a Chiara è venuto il pallino degli indistruttilibri. Di questa collana abbiamo già parlato in passato e rimane da anni una delle nostre preferite. Non avevo mai proposto questi libri al momento di andare a dormire perché il fatto di cantare non mi sembrava conciliare il sonno.

Poi una sera è stata Chiara a chiedermelo e, nonostante non fossi molto convinta, ho deciso di accontentarla. Sono passate ormai diverse settimane ed ogni sera ci ritroviamo a cantare queste canzoni che sono, poi, nella maggior parte dei casi, quelle che ascoltavo da bambina nel mio mangiadischi.

Contrariamente a quel che immaginavo, i bambini non si agitano cantando, anzi. Abbiamo scoperto che cantare prima di andare a dormire è davvero piacevole e rilassante.

Non so quanto durerà questa nuova moda ma Chiara ci tiene al punto che, una sera in cui ero senza voce, ha obbligato Leonardo a cantare al posto mio!

 

Comments

  1. Veronica says

    Per mia figlia è quasi un “must”. Spesso canta lei stessa prima di dormire, sia in compagnia che da sola; spesso sono canzoni inventate sul momento o arie conosciute su cui inserisce parole nuove. Tempo 5 minuti e crolla.

  2. says

    Io credo sia una bella idea cantare insieme, è come se fosse una ninna nanna di gruppo… certo, se vi metteste a ballare questo non concilierebbe molto il sonno, ma una canzone cantata dolcemente può senza dubbio avere un effetto rilassante! bacio

  3. Tata says

    Il rituale della nanna di mia figlia prevede una lettura o una canzone. Indifferentemente.
    Io cerco di proporle canzoni che vengono dal mio passato, o che non si trovano molto a disposizione per i bimbi.
    Ma spesso cerco di trovare canzoni che hanno a che vedere con la notte, la luna, le stelle. Esempi tipici sono “La gatta”, “Au clair de la lune” e così via.
    E lei apprezza!
    Degli indistruttilibri mi piace tanto il fatto che hanno ri proposto anche tante canzoni della mia generazione come “Johnny il bassotto” o “Isotta”. Mia figlia adora “Per fare un tavolo”!

  4. sere says

    ciao claudia.
    … quando lorenzo era molto piccolo e lo tenevo in braccio cullandolo per farlo addormentare, tutte le canzoni andavano bene; non avevo una ninna nanna prefissata, anche “viva la pappa col pomodoro” andava bene se rallentata 1 po, poi, come per te, il rito è cambiato: dopo aver trovato una ninna nanna da cantare sempre, questa è diventata musica senza parole e via via il rito si è trasformato nel racconto di una storia scelta da lorenzo che lui ascolta sdraiato nel suo letto, poi si spegne la luce, bacio della buona notte, coccolina e tutti a dormire.
    il canto è andato via via scomparendo… sinceramente non so nemmeno io perchè…il primo pensiero è che sia una distrazione ma, leggendo il tuo post e i commenti, forse è da rivalutare.
    grazie.
    buona giornata.

  5. Simona says

    Io e Francesco prima di addormentarci ascoltiamo di tutto,”LA GATTA”, “IL CIELO IN UNA STANZA”,”L’ERA DEL CINGHIALE BIANCO”, “RAGAZZO FORTUNATO”,”VOLTA LA CARTA”, “GEORDIE”, addirittura “SPLENDIDA GIORNATA” di Vasco Rossi. Spesso leggiamo un libro, oppure portiamo con noi gli animali da mettere a nanna sul comodino…insomma cerchiamo di andare a dormire con dei pensieri positivi che ci accompagnino tutta la notte.
    Scusa non mi sono presentata..sono Simona, è la prima volta che ti scrivo ma ti seguo tutti i giorni perchè il tuo blog è una grandissima fonte di ispirazione. Continua così! A presto

  6. Claudia says

    Grazie per i tuoi suggerimenti sempre preziosi…noi io e Tommy, anche, cambiamo spesso rituale della nanna, adesso ha compiuto 6 anni da pochi giorni, siamo passati alle barzellette, non so quanto durerà…abbiamo letto favole, ho cantato per tanto tempo l’anno che verrà ci Dalla, letto storie della bibbia, raccontato le cose più belle successe nella giornata, ripassato l’alfabeto e fatto le sottrazioni….ispirati al momento o da qulche buona idea….
    ciao Claudia

  7. Vane says

    Anche noi abbiamo il rituale della nanna con la storia da leggere scelta dal mio piccolo…per noi gli INDISTRUTTIBILI fanno parte della vita di Brado dai 6 mesi circa con IL LUNGO IL CORTO E IL PACIOCCONE e ne abbiamo collezionati tantissimi..ma per lui cantare e’ anche ballare …e si concilia poco con la nanna!!!!

  8. says

    Pietro mi fa cantare sempre, mentre lo metto a nanna: solitamente mi chiede la canzone della Casina (c’era una casa molto carina, senza soffitto senza cucina…) ma a volte andiamo sui Barbapapà (nella vecchia versione di quado ero piccola io): degli Indistruttibili abbiamo solo tre titoli (Ci vuole un fiore, Le tagliatelle e appunto Via dei Matti, la nostra amata casina), ma non li ho mai provati al momento della nanna.
    Mi sembra un suggerimento da provare.

    Buona settimana, Claudia

    Grazia

  9. says

    Noi invece abbiamo recentemente aggiunto al nostro rituale l’ascolto di musica classica durante l’ultimo gioco prima della nanna. Quando finisce la musica, si mette via tutto e poi ci si va a preparare. E, una volta a letto, il rituale continua con ninna nanna, storia e indovinelli (hanno iniziato a chiederli nell’ultimo periodo).

    P.S. Ma quanto sono belli?!?

  10. says

    ma che bello, anche la mia piccola adora cantare, facciamo un pò di karaoke (canto io che lei è piccina ma le piace tanto) infatti quando ha fastidio per i dentini o quando è particolarmente annoiata o irrequieta… la calma e la rilassa tantissimo!! E poi si diverte ^_^

  11. elena says

    Il nostro rituale con la piu’ grande (6) prevede la lettura di un racconto breve (le piace molto Piumini attualmente) e ahimè tenerle la mano fino a che non si addormenta (lo facciamo da quando aveva 5 mesi ormai !). Il piccolo (4) invece vuole rigorsamente le solite due o tre storie raccontate da noi al buio (cappuccetto rosso va per la maggiore, la sa a memoria e ci corregge se variamo qualcosa) e la ninna nanna cantata dalla mamma (tra le piu’ gettonate: ninna nanna del chicco di caffè , cavallino su nel ciel e coscine di pollo)

  12. says

    Anche nel nido che frequenta Anna Clara cantano filastrocche e canzoncine prima della nanna. Anche io non pensavo fosse un rito adatto per questo momento della giornata, e invece! Probabilmente è una pratica che “scarica” e comunque la mia piccola canterebbe giorno e notte (o meglio, ora che ha solo 14 mesi, vuole che IO canti giorno e notte!). E a proposito degli Indistruttilibri… che meraviglia! Uno più bello dell’altro!

  13. says

    Il mio Binotto è ancora piccolo: 19 mesi.
    Il rito consiste nel: leggere una o più storie (lui va matto per Giulio Coniglio e Peter Coniglio), poi prende la “ciuccia” per un tempo che va dal quarto d’ora (se sono fortunata) all’ora (!) mentre io gli canto tutto il repertorio delle sue canzoni preferite. Quando le ho finite o sono troppo stanca mugolo….
    Viva la nanna!

  14. says

    Anche in casa nostra il momento della nanna e’ in continua evoluzione ma la cosa che non manca MAI e’ la lettura di una fiaba a sera.Ora il piu’ grande legge da solo e divora i libri (il diario della schiappa e’ il libro di questi giorni) mentre Irene ama ascoltare le storie i due piu’ piccoli dominano per la scelta delle storie ma la sorella non si lamenta anche se sono “da piccoli”.In questi anni abbiamo anche avuto dei momenti musicali con un cd di ninne nanne dal mondo(straconsumato)che alla fine ho imparato a memoria e poi con i suoni della natura(dischetto abbinato alla scatola gioco dello yoga di Imaginariun).Tutto molto rilassante….anzi sai che ti dico…Buona notte ….

  15. Ella Mo' says

    Anche alla picci di 22 mesi piace sentire cantare. Recentemente va pazza per “bella ciao”!!!! :)
    Lla grande ormai di 8 anni preferisce leggere, abbiamo adottato la lettura a puntate di classici come Mary Poppins, Piccole Donne ecc. E io non voglio mai smettere, così alla fine si fa sempre tardi.
    Ciao

  16. says

    il nostro rituale è abbastanza tipico: se non è già troppo tardi leggiamo un libro poi latte, ciuccio,coccole, una o più storie scelte da papolagrande e raccontate a braccio da Mamma, poi ninnanannadimamma, la zanzara, la gatta, e, se mamma nel frattempo non si è addormentata, canzoncine mugolate random. Ultimamente abbiamo coinvolto nel rituale anche papolapiccola e sembra funzionare.
    OT abbiamo usato la respirazione yoga per fronteggiare la nausea da mal di macchina durante un viaggio verso la montagna, ancora grazie :-))

  17. Francesca says

    Ciao Claudia,

    ho provato a guardare nel link, questi libri contengono i testi delle canzoni? Ho visto che sono accompagnati dal cd.
    Giulia, 2 anni ieri, si addormenta sempre con la musica o con canzoni cantate da mamma o papà, tra le sue preferite Pippicalzelunghe!
    Sto facendo fare a mio papà il porta matite col ceppo di legno, non vedo l’ora sia pronto!
    Grazie per le tue belle idee
    Francesca

  18. mami says

    a casa nostra il momento della nanna è sempre un po’ difficile… non riusciamo ad anticiparlo troppo perchè il papi arriva spesso a casa alle 20.30 e quando arriva lui è una festa, poi a riprendere la tranquillità ci vuole un sacco , il bagnetto lo facciamo prima di cena perchè lo sveglia ancora di più,… prima delle 22.00 non si riesce ad andare a letto… Davide sembra davvero avere energie infinite, mentre io e il papi crolliamo sul libro….
    Cerchiamo di seguire più o meno tutte le sere gli stessi riuali ma evidentemenete non abbiamo abbastanza costanza…

  19. Anna says

    Ciao sono Anna mamma di Elia 10 mesi e mezzo…anche io ho sempre cantato tanto per il mio bimbo e non solo prima della nanna, già dal pancione mi sentiva cantare spesso! Ed ora per far capire che ha sonno comincia a “cantare” anche lui! La sua ninna nanna preferita è “Passa la carovana” di Guido Clericetti (si può trovare su you tube, la consiglio a tutte le mamme). Ha una melodia molto dolce ed è proprio ambientata nella “fantasia” di un bambino che gioca ed immagina di essere un indiano, un pirata, un guerriero… Poi quando arriva la mamma ed è l’ora della nanna il bimbo deve tornare alla realtà e così, avendo dentro di sè la gioia di chi ha DAVVERO giocato, potrà andare nel lettino con la testa sul cuscino!! Io trovo che cantare per il proprio bimbo sia una cosa meravigliosa, non importa quale canzone, basta che piaccia alla mamma e che sia un motivo che la rende serena e tranquilla. I sentimenti e le sensazioni passano attraverso la voce…anche “cantata”. Un grande grazie a te Claudia per il bellissimo blog in cui posso trovare tantissimi spunti da utilizzare con Elia coinvolgendo anche il papà! Inoltre sono anche insegnante di scuola dell’infanzia e sabato comincerò un corso sul metodo Montessori…non vedo l’ora!!

  20. says

    A noi ci vuole un’eternità per andare a nanna tanti sono i rituali… quello che non manca mai è la lettura di “Nuvola Olga va a nanna”, da leggere anche tre o quattro volte… con gli indistruttilibri invece ci passiamo il pomeriggio, la meravigliosa “ci vuole un fiore” di Endrigo suona all’infinito!!!

  21. Elenabit says

    Ciao Claudia! A proposito di sofrologia: in italiano c’è pochissimo… non ti viene voglia di scrivere un libro di sofrologia applicata a bimbi e mamme? Così, per dire… ;-)
    Un abbraccio, e a presto
    Ele

    • says

      ciao…io per ora mi limito alle coccole, ma hai ragione le cose da fare prima della nanna sono talmente tante che è un vero peccato non sfruttare questo momento

  22. says

    Ciao Claudia,
    il rituale della nanna… ecco per me era il momento più penoso della giornata fino a poco tempo fa. Lei non ne voleva sapere di dormire, ne in braccio, ne con passeggino ne nel letto , ne con canzoni e tanto meno con delle storie e lui invece voleva la sua storietta e qualche coccola. Per me era sempre ingestibile e straziante…poi poco alla volta con tanta pazienza le cose sono migliorate tantissimo. noi ci buttiamo sul lettone e inventiamo una storia o una canzone buffa scaccia mostri o ‘scacciabruttipensieri’. io mi diverto tantissimo a sentire le cose che inventano e forse loro percepiscono il mio stato d’animo sereno e quindi poi si addormentano bene e senza la mia presenza.
    Voglio provare a comprare questi libri. sicuramnete loro li ameranno!

  23. says

    Cara Claudia, ammiro molto la tua organizzazione e le tue routines, io quanto a rituali dopo 7 anni da mamma sono ancora una dilettante…

    A casa nostra, a parte il pigiama e lo spazzolino da denti, l’unico punto fermo e’ questo: prima di dormire io racconto una storia che invento li’ per li’.

    Purtroppo pero’ molte sere sono piu’ stanca io dei miei bambini, e cosi’ la storia prende pieghe molto surreali, finche’ la mia bimba se ne accorge e mi richiama all’ordine:

    “Mamma! SVEGLIA! Ti stai addormentando!”
    “… Chi, io? Ma non e’ vero, sono sveglissima!”

    Naturalmente ha ragione lei, ma io, non so perche’, ogni volta nego l’evidenza.

    Poi al mattino ridiamo insieme ricordando le storie deliranti della sera prima.

  24. Daniela says

    Hei ciao !
    Anche io passo almeno una volta al giorno nella prateria ……………..
    state tutti bene lì in Provenza ?! Ci puoi dare una rassicurazione ?

  25. donatella says

    ciao Claudia io ti seguo sempre ma….ci manchi !!tutto bene lì ?spero di si …magari stai imbastendo qualche novità che presto ci racconterai !! se ci sei batti un colpo !! dai te ne sei andata in vacanza senza dirci nulla perchè volevi evitare paparazzi e autografi delle tue ammiratrici…e vabbè.. :)

  26. Mammina marmotta says

    Anche noi attendiamo con gioia qualche bella novità…o forse l’influenza ha raggiunto la Provenza?

  27. says

    …beh vedo che siamo in molte a chiederci come mai sei sparita…
    anche io passo quasi tutti i giorni …e non trovare i tuoi post mi lascia sorpresa e pure un po’ preoccupata..da buona ansiosa quale sono…
    Ste

  28. says

    Ciao, io commento poco,ma passo sempre da qui e… dove sei? Tutto bene? Se sei in vacanza meglio così, noi siamo qui ad aspettarti! Baci!

  29. Mammina marmotta says

    Io e i mie due cucciolotti spesso siamo “nella tua prateria” ricca di interessanti spunti e dolci consigli…ti aspettiamo!!

  30. sere says

    dopo 1 settimana da quest mi sembrava strano non ne fosse seguito 1 altro, adesso però mi sto preoccupando sul serio!!

  31. says

    Almeno un post per la festa della donna ce lo aspettavamo… cosa ti è successo?
    I tuoi lettori sono un po’ tutti preoccupati…

  32. barbara f. says

    Ciao Claudia, come va? Anch’io sono un po’ preoccupata nel non avere tue notizie… A presto…
    Barbara F.

  33. Silvia says

    Ciao Claudia,
    Adoro il tuo blog e passo giornalmente da qui. Solo che adesso, il tuo silenzio mi preoccupa. Cosa ti è successo?
    Siamo tutti preoccupati per te!
    Un abbraccio, Silvia

  34. says

    Care amiche, scusate se vi ho fatte preoccupare! Stiamo facendo dei lavori a casa e mentre gli uomini buttavan giu’ pareti sono scappata via una settimana con i bambini… Tornero’ ad aggiornarvi al piu’ presto!

    • donatella says

      oh mamma mia eravamo davvero preoccupate !evviva sei tornata!!beh per le pareti buttate giù fa niente…non ti invidio piuttosto che sei dovuta rientrare…spero avrai trovato tutto pulito….è fra le cose che odio di più e che mi fanno stare male……a prestoooo !!!

  35. says

    Anch’io avrei pensato che si agitassero… Anche se da una settimana è accaduto il miracolo e Alice ha rivoluzionato il rituale… ma credo che sia scattato qualcosa dentro di lei… non sto ora a dare dettagli, ma per dire che a volte dobbiamo non solo ascoltare le richieste dei nostri figli apparentemente strampalate, ma anche metterle in pratica per rimanere stupiti con effetti speciali.
    Ora vado a leggere meditare con i bimbi :)

Lascia un commento