Giochiamo allo yoga!
A quattro anni dalla prima edizione, «Giochiamo allo yoga» è nuovamente...
Mindfulness con i bambini
Qualche tempo fa vi ho parlato della mindfulness, uno stile di meditazione...

Tempo di Lavanda

E’ arrivato il momento, qui nella prateria, di raccogliere la lavanda.

Dopo averla lasciata seccare al sole, e la conserveremo per le nostre bouillottes di Natale.

Nel frattempo ci godiamo l’estate però…

Claudia Porta

Blogger, autrice, insegnante di yoga, SUP yoga e meditazione. Insegno dal vivo ma anche tramite videolezioni su youtube e attraverso l'app iOS 10minyoga.

Commenti

  1. daniela dice

    Proprio non capisco perchè ogni anno compro un vaso di lavanda ma a metà estate muore. Va bene che vivo a Milano, ma perchè? La bagno troppo? La bagno poco? So che vive bene nel terrapieno ma anche un solo vaso non mi dispiacerebbe affatto. E così ogni anno da Antibes mi arriva quella sgranata.
    Un bacio,
    daniela

  2. donatella dice

    io pensavo che la lavanda si raccogliesse quando i fiori erano ancora di un bel viola………………infatti vedendola l’altro giorno a casa mia mi son detta che magari avrei dovuto tagliarla la volta precedente…mannaggia all’anno prossimo !!!!

      • dice

        il mio amico giardiniere professionista dice che andrebbe raccolta molto prima perche’ anche noi l’abbiamo lascita seccare come avete fatto voi.Io l’ho pesata e ne abbiamo raccolta piu’ di un chilo…..e ispirati dalle tue bouillottes abbiamo gia’ tagliato la stoffa :-)
        Buona estate!

    • dice

      Sì, in teoria si raccoglie proprio quando è così bella che ti piange il cuore a doverla tagliare…ma lo si fà per estrarne l’olio essenziale…quindi si può evitare questa “tortura”.
      L’unica accortezza da tener presente per una buona crescita della pianta, compatta e rigogliosa, è di tagliare anche le foglie fino a 2-3 cm dalla parte legnosa (su piante nuove o sempre ben potate, su quelle vecchie e poco curate dimezzare i rami verdi)
      Buona giornata =)

    • dice

      Ciao ,volevo chiederti come prepari l’olio.
      Io preparo quello d’iperico ,il giorno di S.Giovanni (24 giugno)raccolgo i fiori e li metto in un vaso immersi nell’olio fino a coprirli piu’ del doppio del foro volume e li lascio al sole per 40 giorni.Poi li filtro elo utilizzo come emoliente,ottimo in caso di scottature da sole e ustiono da calore,cicatrizzante ,l’ho usoto per medicare l’ombelico dei bimbi appena nati.
      Mi piacerebbe sapere del vostro alla lavanda,spero tu legga il post o magari Claudia ci possa dare una mano.
      Un abbraccio a tutte

      • maria dice

        esatto, lo faccio uguale, e in realtà faccio anch’io quello di iperico.
        Il procedimento è il medesimo. Volendo si può fare anche l’olio di arnica, ma lì è più un problema trovare l’arnica, anche perchè è un fiore protettto.
        Saluti
        Maria

  3. dice

    Che meraviglia Claudia, io la lavanda la adoro in tutte le salse, ne ho già piantate tre piante qui in giardino, per ora sono piccole ma conto di piantarne altre 😉

  4. dice

    Ciao Claudia, ti leggo da tempo, ma questa è forse la prima volta che lascio un commento.
    La lavanda piace anche a me, come anche le bellissime immagini che hai pubblicato :-)
    Complimenti per il blog! Ciao,
    Goga

  5. dice

    Ma che meraviglia di blog che hai messo su!!! Questi post poi trasmettono tanta serenità… immaginare voi che raccogliete la vostra lavanda… che bello!!! Mi hai fatto venire voglia di coltivarla anche io ^_^ Purtroppo non ho il giardino ma mi riesco ad arrangiare bene con la mia terrazza 😀 proverò di sicuro!!!

Lascia un commento