Mamma Imaginarium e la Testimonial Ideale
Come già sapete, gli sponsor di questo blog sono selezionati in base ad...
I nostri dolci momenti con Kinder Diario
Nelle scorse settimane mi è stato proposto di testare la nuova app di...

Teli da Gioco nella Calza della Befana

Una famiglia, due lingue, due culture. Questo significa, in molti casi, festa doppia.

L’epifania è proprio una di quelle feste che hanno tradizioni diverse in Italia e in Francia. Noi le prendiamo tutte e festeggiamo sia con la Galette des Rois che con la calza della befana.

Quest’anno la vecchina ha portato ai bambini dei teli da gioco in seta.

I teli da gioco non sono una novità in casa nostra. Ne abbiamo sempre avuti e con il passare degli anni vengono utilizzati in modo sempre nuovo e creativo.

Questa volta però ho voluto togliermi lo sfizio dei teli di seta, e devo dire che ne è valsa la pena. Se è vero che un quadrato di seta costa un po’ di più di un quadrato di cotone, devo dire che la leggerezza, la trasparenza e la consistenza di questo materiale si presta a moltissimi nuovi giochi.

Sicuramente un investimento che verrà ammortizzato negli anni a venire.

Commenti

  1. dice

    Sai, anche noi abbiamo i teli da gioco? Da noi in genere sono mantelli da supereroe o diventano kilt quando Sorley fa finta di suonare la cornamusa!(il suo sogno). Non so piu’ dove avevo sentito quest’idea, ma funziona!

  2. dice

    Con i miei figli ho usato vecchi abiti e vecchie stoffe (mia mamma cuciva), ma non avevo mai pensato ai teli gioco. Bella idea che vorrei mettere nel mio blog!
    PS: ho visto che la befana ha portato le fiabe Tuareg, sono molto belle ma un pò difficili… vanno mediate da un adulto.
    Buon divertimento!

  3. dice

    Leggende il tuo vecchio post, avevo pensato anche io di regalare i teli di seta ai miei figli, ma lo farò appena avrò modo di andare nel mio negozio di tessuti preferito che ha prezzi da stock :-)

  4. dice

    Io ho sempre messo nella cesta dei giochi di Giuseppe alcune stoffe, ma devo dire che non si è mai dimostrato molto interessato….forse devo guidarlo in qualche modo alla scoperta del loro utilizzo…

  5. ChiaraT dice

    Condivido la scelta dei teli! Lorenzo, anche se è ancora piccolo (10 mesi) è sempre interessato dai pezzi di tessuto li maneggia e si nasconde sotto per poi riapparire sorridente….

  6. dice

    i teli di seta. sai che a me non volevano nemmeno venderli quando hanno saputo che volevo farci mantelli per bimbi? lo vedevano come uno spreco…
    dove hai trovato la seta?

  7. dice

    ciao
    vorrei provare a tingere anch’io.. per ora ne ho acquistato di teli e i miei bimbi diventano pazzi perchè tutti lo vogliono.
    ne ordino subito degli altri e quando leggerò il tuo tutorial li tingerò… mi piacerebbe saper fare l’effetto rainbow!
    forse sarà difficile… sara

  8. dice

    Pant puf pant puf. Ce l’ho fatta. Ho scoperto come aggiungere una lista di links al mio blog e ti ho linkato. Che robe, ogni giorno ne imparo una!!!!:-)

  9. mammafrau dice

    wow! aspetterò con ansia il tutorial sulla colorazione! purtroppo io devo ancora affinare la mia ricerca di un negozio di tessuti “speciale”, soprattutto sui prezzi :P per ora i nostri teli sono stampati, di tessuti vari, diciamo che la loro funzione la fanno ma la stampa vincola molto il gioco…dobbiamo evolverci! grazie per i tuoi spunti sempre originali e che, almeno in casa nostra, stimolano sempre qualcosa che era in pentola da un pò ma in qualche modo restava in stand-by!!

  10. dice

    Che bella idea che ha avuto questa befana! Anche noi abbiamo una bella cesta di teli da gioco ma niente seta, sono tutti avanzi di stoffe che avevo in casa, certo la seta è il materiale più adatto, solo farla roteare nell’aria crea dei giochi di forme che col cotone…neanche a pensarci!

  11. Tania dice

    Le mie scuole superiori sono state di Arte Applicata del Tessuto e con le stoffe lavorarci è formidabile, ci vuole però disponibilità economica e spazio ma si possono fare cose incredibili!!!
    Approposito di teli, a Firenze esiste un asilo musicale che si chiama “DO RE MI” dove per raccontare delle fiabe utilizzano strumenti e teli queste si chiamo fiabe animate.
    Ho visto una loro fiaba dove facevano con il telo azzurro il mare e con i tamburi e la chitarra i movimenti degli animali e comunque basta mettere in gioco la fantasia vengono delle simpatiche favole di integrazioni tra bimbi!!!

    • Claudia dice

      Tingere la seta è molto semplice e devo dire che i prezzi delle tinture (tutte naturali) che utilizzo sono decisamente contenuti. Anche il tessuto stesso è più caro del cotone ma comunque decisamente abbordabile per tutte le tasche.

  12. Lapimpi dice

    Ciao Claudia, so che questo post è molto vecchio, ma provo lo stesso.
    Sto cercando i mollettoni di legno per la casetta waldorf della mia bimba. Tu dove li hai trovati? Sai indicarmi qualche sito? Grazie!

Trackbacks

Lascia un commento