10MinYoga
Vi ho parlato nei giorni scorsi dei nuovi progetti in cantiere. Uno di questi è...
Yoga al Mammacheblog
Quante volte mi avete detto che vorreste fare yoga con me? Ecco finalmente una prima...

Casa a Misura di Bambino: il Soggiorno

Quando ho pubblicato le foto del nostro soggiorno (qui) mi avete chiesto se davvero qui vivessero tre bambini. Si trattava di foto scattate a pochi giorni dal trasloco, in una casa ideale, immacolata e non ancora “vissuta”. Si trattava tra l’altro di fotografie scattate d’estate, quando lo spazio di gioco dei bambini è essenzialmente all’esterno. Con il passare dei mesi (e con l’arrivo della stagione fredda) abbiamo introdotto alcuni dettagli che ci permettono di vivere pienamente questo spazio senza stravolgerlo.

Perché questo è il cuore della casa. E’ qui che i bambini amano stare, ancor più che nelle loro camere. Qui, vicino a noi. Con un semplice tavolino e qualche cestino per riporre i giochi abbiamo trasformato quella stanza perfetta e un po’ asettica in uno spazio da vivere in famiglia.

Il nostro primo tavolino Svala risale a pareccchi anni fa (chi ha buona memoria ricorderà anche il carrello primi passi artigianale realizzato con le sedie coordinate). Dopo qualche tempo lo abbiamo sostituito con il più ampio Lack, opportunamente modificato togliendo il ripiano inferiore, prima in versione piccola (qui) poi, quando nemmeno quella bastava più, in versione XL. Perfetto sia come tavolino da salotto che come tavolo da disegno per i piccoli, lo abbiamo anche utilizzato più volte come tavolo vero e proprio per i bambini, quando il numero degli invitati superava quello dei posti a sedere.

Nel nostro angolo lettura abbiamo dedicato uno scaffale intero ai giochi. Ogni cosa ha il suo posto ed è relativamente facile tenere tutto in ordine.

(Per le più curiose, i giochi che si intravedono nella foto sopra sono Playshapes e Twig).

Un altro piccolo accorgimento perché la vostra casa sia a misura di bambino riguarda il bagno. Non mi sembrava il caso di dedicare un intero post a questa stanza della nostra casa, quindi vi pubblico una foto qui.

Bastano uno sgabellino e uno specchietto (Sempre tutto Ikea) fissato ad altezza bambino per rendere la vostra stanza da bagno child-friendly.

Bene, ora che vi ho svelato i miei, aspetto i vostri suggerimenti per una casa a misura di bambino!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Commenti

    • Claudia dice

      Beh, le foto da pubblicare sono accuratamente selezionate. Quelle che immortalano il caos quotidiano ce le teniamo per noi ;-)

  1. dice

    Noi abbiamo riservato la nicchia più bassa della libreria ai libri della bimba, così va e se li sceglie! ;)

    Anche noi preferiamo farla giocare in salotto piuttosto che in cameretta…alla fine lì ci passaranno già tutta l’adolescenza! :D
    E poi è bello vedere i giochi in salotto piuttosto che tutto ordinato e freddo!
    (Forse è una scusa per il mio perenne caos?! :D)

  2. dice

    noi in bagno abbiamo messo lo sgabello più alto (sempre ikea – http://www.ikea.com/it/it/catalog/products/80159519)
    così mia figlia arriva allo specchio senza doverne mettere uno aggiunto. E i suoi accessori per i capelli sono in un cestino che lei riesce a prendere da sola.
    Poi abbiamo preso una sedia alta per la cucina http://www.ikea.com/it/it/catalog/products/90146456 con il suo cuscino abbinato http://www.ikea.com/it/it/catalog/products/40132819 in modo che arrivi al tavolo senza fatica ma possa salire e scendere dalla sedia da sola.

  3. sara dice

    hahaha è successo anche a me che più di una volta gli amici (con e senza figli) rimanessero stupiti di come casa nostra appaia ordinata, o forse è più preciso dire “non invasa da tutti quei giochi enormi di plastica super rumorosi e supercolorati”

    eppure vivevamo in un bilocale, e ora in un monolocale!

    premetto che nè io nè mio marito siamo mai stati ordinati!
    ma con una bambina piccola occorre darsi un limite o davvero non si cammina più!
    vi racconto la nostra “vittoria” sul caos, partendo dal sempre interessante Post della Casa nella Prateria (se non ci fossi tu.. ;)

    all’origine c’è una selezione, cerchiamo di scegliere più che altro cose in materiali naturali e dagli usi molteplici (costruzioni di legno, pupazzi di cotone morbidi) oppure oggetti della casa che vengono “assorbiti” dai giochi di mia figlia- e questo già aiuta!

    ma comunque tra regali e acquisti compulsivi, i giocatolli si moltiplicano (sono quasi sicura che nottetempo si accoppino tra loro e si riproducano! sto cercando di raccogliere prove..) quindi per non farli sfuggire al controllo li abbiamo messi anche noi in scatole e buste non troppo grandi, in modo che mia figlia di 2 anni possa prenderli e metterli a posto da sola;

    importantissimo, li facciamo “ruotare”: a turno, tengo qualche scatola fuori dalla vista, in questo modo basta che passi qualche settimana, e quando nostra figlia li rivede è una festa!!!

    l’unica cosa sempre sott’occhio sono i 3 cesti con libri e riviste, che sfoglia da sola o con noi, la sera soprattutto.

    anche noi tavolino (con paraspigoli) con specchio a figura intera per i travestimenti, seggiolina e tappeto antiscivolo lavabile in lavatrice (tutto ikea a pochi euro)

    in bagno, quando stavamo in italia avevo attrezzato il bidet, ma qui anche noi andiamo di sgabellino..

    aggiungo che nostra figlia ha libero accesso a tutti gli sportelli di bagno, cucina e ingresso che riesce a raggiungere: basta eliminare le cose pericolose dalla sua portata-
    così capita che giochi con gli stampi da budino, ma anche che metta a posto da sola i suoi vestiti nel cassetto più basso dell’armadio-

    a completare il tutto ci sono anche due gatti e l’acquario (a volte i gatti DENTRO l’acquario..) ma per fortna abbiamo l’aspirapolvere robotico (non faccio nomi) che toglie tutti i peli e le briciole.. quelle davvero non macano mai!

    nel nostro caso, il paradosso è che più la casa è piccola più ti obbliga a selezionare gli oggetti e gli spazi:
    alla fine abbiamo più spazio libero e “giocabile” vivendo in 35 metri quadri, che a casa dei miei che vivono in 100, ma hanno poltrone, divani, lampade, tavolini, soprammobili..

    poi è chiaro anche essere circondati da boschi e prati aiuta a stare furoi casa il più possibile!!!

      • Annalisa dice

        Te lo dico io (ma non so se è lo stesso), che con un cane Labrador è stata la prima cosa che ho comprato per casa nostra, prima del tavolo e delle sedie: Dyson animal pro. Favoloso, elimina ogni pelo anche dai tappeti (e immagino tu sappia che significa avere un labrador in piena muta :-))

        I tuoi post belli e utili come sempre, ho adorato l’arcobaleno steineriano!

          • Annalisa dice

            Si è vero, costicchia. Però li vale tutti. Considera che io ho comprato divani, librerie, tavolo, sedie, ecc dall’ikea ma per l’aspirapolvere ho speso. Sarà che ero traumatizzata dalla vita con cane a casa di mia madre: a distanza di anni ancora ora ogni tanto salta fuori un pelo di Ghibli :-))
            Fino ad ora non si è mai intasato, a differenza degli altri che ho provato (ti credo, con quello che costa, lo rivendevo pezzo per pezzo su ebay!!!) ed in più non avendo il sacchetto è facile da svuotare e lavare.
            Una domanda: ma il vostro Labrador sta in casa con voi o per lo più fuori? SE la risposta è in casa, posso condividere con te la follia di voler tenere una casa almeno un po’ in ordine e pulita avendo un cane e bambini (io per ora una sola che a giorni gattonerà e da quel momento so che le troverò i peli del cane anche nel pannolino)?? Come fai tu?

          • dice

            Confermo l’opinione di Annalisa: noi lo abbiamo da 6 anni senza aver mai cambiato un pezzo…un investimento! La tecnologia è presa direttamente dall’aspirazione del legno e non ci sono sacchetti da cambiare: svuoti e lavi i pezzi sotto l’acqua corrente.
            :)

      • Sara dice

        eccomi, scusate!!! in questi giorni compleanno della “duenne”.. ^^

        premetto che la mia è “pubblicità” disinteressata, eh!! da mamma (entusiasta) a mamma! ;)

        il nostro salvatore è il Roomba, lo accendo quando esco e fa tutte le stanze perfettamente, sotto i mobili, sotto il letto, ha una spazzolina piatta tipo pennello che pulisce nella FESSURA SOTTO I BATTISCOPA..!!!
        poi torna a caricarsi da solo e quando torniamo a casa, potremmo mangiare sul pavimento, da quanto è pulito (beh, a volte è successo… :P)
        300 euro circa ma i migliori che ho speso, da quando è nata mia figlia-
        chi non ce lìha all’ìinizio è scettico, ma quando dico: “pulisci bene casa tua: poi ti porto il roomba e vediamo quanta roba ha aspirato” …va a finire che se lo comprano tutti!

        c’è addirittura meno polvere sui mobili e sulle mensole, perchè è poentissimo e non solleva la polvere come succede per forza con la scopa!
        consuma poco (perchè la “potenza” non si disperde nella lunghezza del tubo, come gli altri aspirapolveri), niente sacchetti, manutenzione minima.. la mia schiena è salva..

        cercate i filmati su youtube (magari quelli coi gatti e i bambini! XD), fate un indagine tra i conoscenti e vedete se ve lo prestano per un giorno..
        niente di paragonabile ad un altro aspirapolvere qualsiasi-
        vi dico solo che la ditta che li fa, produce anche robot per sminare i territori di guerra-
        non è nato come elettrodomestico, ma come strumento per le grandi ditte che dovevano pulire perfettamente capannoni e uffici molto vasti.
        da otto anni circa, i prezzi sono diventati accessibili anche per i privati-

        quando un’amica si sposa, o rimane incinta.. tra le prime cose delle quali le parlo c’è il roomba! ihihih ^^

  4. Silvia dice

    anche noi tavolino lack, due ripiani della libreria tutti per la bimba (di cui un vano attrezzato a cucina con tanto di luce spot sempre ikea) e quel tubo a rete sempre dell’ikea. Per il bagno è un po’ presto ma al momento il bidet sembra essere la sua principale attrazione (ma suppongo che non lo abbiate lì in francia no? hihihi)

  5. dice

    Che bello… a casa dei miei genitori il salotto era la stanza di rappresentanza… praticamente intoccabile (ma io mi infilavo ugualmente sotto il tavolo-rifugio e ci costruivo le casette di ombrelli e le macchinine con gli scatoloni dei pannolini di mia sorella :-D)… anche per noi invece è la stanza più vissuta: due tappeti Ikea davanti al divano (la mia passione/mania per l’Ikea, anche questa totalmente gratuita e disinteressata, è ormai nota), il tappeto dei tuffi di Letizia e tanti giochi tra cui scegliere… raramente in ordine :-)… la mamma fa la su aparte con macchina da cucire in bella vista sul tavolo e gomitoli ovunque ;-)

  6. sara dice

    Io ho letto “Una casa a misura di bambino” DI G.Honegger Fresco e S.Honnegger Chiari e devo dire che mi ha aiutata molto e soprattutto un organizzazione dei giochi di stampo Montessoriano ha fatto si che anche con un piccolo appartamento ci sia più ordine.
    Comunque è vero Ikea ci aiuta molto

  7. dice

    Solo a me sta volta Ikea non mi è di aiuto: sto cercando uno scaffale aperto 90×90, ma non c’è….o troppo piccoli o troppo grandi.
    Purtroppo dovrò ripiegare su altri negozi. Avete qualche suggerimento su negozi con mobili on line?
    Ne ho proprio bisogno per attezza r un nuovo angolino di casa per riporre i giochi dei bimbi.

  8. Chiara dice

    Complimenti Claudia per il sito, per le idee, per tutto!da quando t ho scoperto non passa giorno senza che faccia un incursione. mi piazzo qui al pc con il mio gnometto di quasi 5 mesi e guardiamo insieme cosa c’è di nuovo.grazie infinite per gli spunti e per la compagnia!

  9. mammaminnie dice

    a casa ns. un po’ tutta la casa è a misura di bimbo. Il soggiorno è strutturato più o meno come il tuo, i due ripiani inferiori della libreria (4 caselle in totale) sono per i suoi libri e cd. Il tavolino + sedia e almeno due giochi ingombranti sono presenza fissa in soggiorno (in questo momento tavolino + specchiera con sgabello). La vera stanza che contiene tutti i giochi (tutti no perché anche noi facciamo rotazione, ogni tot. portiamo dei giochi in cantina e sostituiamo quelli in camera, di solito in accordo con la tata). La sua stanza è totalmente a sua misura, due grandi tappeti, librerie con sopra il materiale da disegno (pennarelli, acquarelli, tempere), pasta da modellare, cesta dei travestimenti, costruzioni, tutto accessibile. Lei gioca anche in camera, prevalentemente in mia presenza ma a volte anche sola oppure più semplicemente sceglie il gioco che le interessa e lo porta in soggiorno, finito il gioco lo riporta in camera. Al gabinetto arriva da sola senza ausili di sgabelli o simili, al lavandino abbiamo la pedadina in posizione fissa, lo specchio usa quello del bagno, è grande e arriva fino al bordo lavandino quindi riesce ad usare quello senza problemi. il sapone usa quello che usiamo noi per lavarci, e nel bicchiere c’è anche il suo spazzolino/dentifricio. Il mio mobile del bagno ha molti cassetti, uno contiene tutte le sue cosine (spazzola, elastici, creme etc). In cucina (soluzione che però vorrei modificare) usa una sedia normale del tavolo con il rialzo abbinato.

  10. mammaminnie dice

    faccio qui i complimenti per i regali di natale di Chiara, non nego che li ho cercati nel web in italia ma al momento non ho trovato nulla di simile.

  11. dice

    potrei fotografare il salone di casa mia e la classe di un asilo e far il gioco “trova le 10 differenze “…perchè non credo siano più di dieci :-) Anche il tavolo con le sedie le ho prese da un asilo che le dismetteva!
    In più ho un mobile molto basso e lungo, dove starebbe bene qualche porta fotografie e qualche altro soprammobile, ma non ci ho neanche pensato…è diventata la pista delle macchinette di mio figlio e guai ad invadere il suo territorio :-)

  12. dice

    Che meraviglia, quanti piccoli accorgimenti si possono facilmente realizzare in casa per far si che i nostri figli possano sentirsi a loro agio nella “loro” casa! Noi con l’occasione che dovevamo chiamare l’idraulico ad aggiustare un guasto abbiamo realizzato un lavabo per il bagno ad altezza bambino proprio come quello degli asilo così la nostra bambina sta imparando a lavarsi i denti, le mani e il viso da sola e in più si diverte moltissimo con l’acqua!
    Silvia

  13. Elisa dice

    Molto interessante, con tanti spunti da copiare. Spero ne seguano altri dello stesso genere. Io ho una bimba di 3 anni e sono in attesa del secondo ed ho proprio bisogno di consigli su come organizzare la casa a misura di bambino ed ottimizzare al meglio gli spazi. Grazie

  14. Silvia dice

    Ciao, avete davvero una casa bellissima e la fortuna di uno spazio esterno….molto bell
    o.
    Noi viviamo in appartamento ed è il regno incontrastato dei bimbi. Anche i miei bimbi preferiscono stare in sala, e la sala è per loro, tanto quanto per noi. prima vivevamo in un appartamento con una sala e una cucina immensi. Avevamo eliminato dall’altezza bimbo tutto ciò che poteva essere pericoloso, così sia il primogenito, che ci è rimasto fino a quasi tre anni, e il secondo, che ci è rimasto meno di un anno, potevano girare liberamente fin dal gattonamento e svuotare qualsiasi cassetto/ripiano/mensola volessero come gioco. E ho molte foto che dimostrano che razza di piccoli attila fossero: corridoi invasi da tutto ciò che prima stava nei cassetti delle camere o del bagno o della sala, CD sparpagliati per la sala, ecc.
    Ora la sala è più contenuta, ma, essendo noi “figli di IKEA” c’è una billy alta tutta per i loro libri, una angolare (non esiste più in ITalia) i cui primi due ripiani sono dedicati a loro giochi, in ceste trasparenti, una billy bassa che contiene giochi di società e pasta da modellare e altri giochini. E un mobile besta nel quale uno die due capienti cassettoni è dedicato ad altri giochi loro.
    E abbiamo, poco dopo la nascita del primogenito, comprato un pezzo di moquette di 2 metri per 2 (a conti fatti avrenne potuto anche essere 3X3) da usare come tappetone per giocare, poichè nella vecchia casa il pavimento era di pietra, freddo, e qui è di marmo, ancora più freddo.
    Ed è pratico da pulire come tipo di tappeto.
    Così è veramente il loro regno. Non bastasse, oltre a un normalissimo divano, abbiamo in sala un sacco pieno di polistirene di 180 cm per 140 cm, e lì hanno gattonato, scalato, si sono sdraiati, hanno giocato, letto, fatto di tutto, i due bimbi; e da quando siamo qui una “amaca-poltrona” appesa al soffitto…una specie di comoda altalena su cui sedersi e leggere tranquilli, o dondolarsi e farsi una coccola à deux o da soli.
    Visivamente è un po’ un caos, ma i bimbi sono felici, è davvero una casa per loro, e noi siamo felici così, ci sdraiamo insieme sul cuscinone e giochiamo, leggiamo, ci facciamo il solletico, oppure ci mettiamo in due sull’amaca-sedia e ci facciamo due coccole o leggiamo dondolandoci dolcemente.

    Per il bagno anche noi ci eravamo attrezzati per l’uso del bidet come lavandino, ora usano due sgabellini, uno più alto per il piccolo, uno normale per il grande.

    E con quelli si vedono allo specchio, che comunque, fino a domenica, c’era anche a figura intera in bagno.

    in cucina abbiamo la scaletta di legno a due gradini dell’ikea, e con quella entrambi arrivano ovnque serva, compreso a farsi la spremuta di arance…

  15. dice

    Anche noi con tre bimbe ormai abbiamo tutta la casa a misura di bambino – dai cassetti nel guardaroba dell’ingresso, dove ognuna ripone le proprie scarpe (l’effetto del cassetto personale è fenomenale! La cassettiera di lamiera della Ikea sono stati i 30 € spesi meglio dell’ultimo inverno!), ai cesti acchiappa giocattoli, alla cassettiera per i giornalini della più grande. A dire la verità sono sempre meno entusiasta dei mobili a giorno, perché non riesco a tenerli in ordine, sono negata. Adoro invece gli armadi e le cassettiere, in breve prenderemo degli altri armadi all’Ikea per eliminare le cianfrusaglie dalla nostra vista anche in garage. Nonostante l’Ikea non mi stia molto simpatica. In compenso metteremo una finitura anticata sulle ante, per eliminare l’effetto delle case globalizzate tutte uguali.
    Abbiamo realizzato anche delle protezioni per il letto a castello, le bimbe ci sembravano ancora un po’ piccole per starci – è stato mio marito a mettere lo zampino con Pina Topolina http://www.casaetrend.it/album/camerette/356/pina-la-topolina-che-ci-ha-fatto-impazzire/

  16. dice

    complimenti per l’articolo! io ho posizionato in cucina la sua cucina giocattolo cosicché possa cucinare anche lui con me. gli è piaciuto tantissimo al mio bimbo l’idea di toglierla dalla saletta gioco e metterla in cucina. provate!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *