A Colonia con Skylanders
Nelle scorse settimane io e Leo siamo stati al Gamescom (una grande fiera...
Montessori - Il Decalogo dell'Educatore
Nei giorni scorsi, sfogliando gli appunti presi durante la mia formazione...

Random Acts of Kindness: oggi tocca a voi

Quest’estate, per accontentare i bambini, abbiamo trascorso una giornata in un parco acquatico.

Non avevo nessuna voglia di andarci, non sono il tipo da parchi di divertimenti. Ho accettato unicamente per far piacere ai bambini.

Contrariamente a quanto mi aspettavo, ho passato una giornata memorabile, e mi sono divertita come non mi succedeva da… da quando? Non lo so. Neanche se mi sforzo. Non ne ho proprio idea.

Da quando sono diventata mamma, la mia gioia è quella dei miei bambini. Senza accorgermene ho dimenticato che sono anche una persona. E che dentro di me c’è anche una parte bambina, incredibilmente trascurata.

Lasciata libera di esprimersi per qualche ora, e con la complicità di tre bambini “veri”, spontanei e scatenati, quella parte di me è come “esplosa”.

Al termine di quella giornata memorabile ho deciso di concedermi un appuntamento al mese con il divertimento. Non il classico bagno caldo o la seduta di yoga delle sei del mattino, che sono i piccoli “piaceri” che mi concedo quando ho voglia di coccolarmi, ma divertimento. Divertimento vero.

Proprio in quei giorni Heather e Julia inauguravano We Deserve This, un blog dedicato alle mamme che hanno bisogno di una “spintarella” per riuscire a dedicare un po’ di tempo a se stesse.

Se anche voi, leggendo questo post, vi siete accorte di esservi un po’ “dimenticate di voi stesse” oggi vi chiedo, per la serie “Random Acts of Kindness”, di pensare un po’ a voi stesse. In fondo ve lo meritate!

Allora… c’è qualcosa che desiderate fare da tempo ma che continuate a rimandare? Organizzatevi per programmarlo nei prossimi giorni.

C’è qualcosa che vorreste imparare ma che rimane da sempre un sogno nel cassetto? Cosa aspettate? E’ il momento di realizzarlo!

E se, come me, tendete a prendervi troppo sul serio, fermatevi un attimo ed osservate i bambini. Loro non hanno paura di niente, vanno e prendono quello che vogliono. Non chiedono il permesso, non prendono mille precauzioni.

Dopo 24 ore nella nuova casa, Leonardo ha fatto una cosa che io non ero mai riuscita ad imparare in trenta… ehm… (quattro) anni.

Qualche giorno dopo, con un po’ di coraggio e seguendo i consigli del mio “maestro”, ce l’ho fatta anche io. Vabbé, vi risparmio la foto (ma mi sono fatta fotografare, perché volevo vedermi, altrimenti non ci credevo!).

Vorrei vedere la faccia di tutti gli istruttori di nuoto che non sono riusciti ad aiutarmi a vincere la paura.

E voi? Quando è stata l’ultima volta che vi siete divertite davvero? E l’ultima volta che avete superato la paura? L’ultima volta che avete imprato qualcosa di nuovo? Ricordate la soddisfazione, la gioia, l’orgoglio che ne scaturisce? Se faticate a ricordare, vuol dire che è passato troppo tempo. Ed è ora di rimediare.

Aspetto i vostri racconti e le vostre testimonianze. E per questa settimana, la persona a cui dedicare i vostri (Random) Acts of Kindness siete voi!

Commenti

  1. Tania dice

    Forse si, è il momento di dare una scrollatina a questa mamma e trovare il tempo per un pò di divertimento, ma non è il periodo giusto, perchè sono incinta quindi non posso andare in bici nè fare altri sport!!!
    L’ultima volta che mi sono divertita è stata ad uno spettacolo dedicato alla memoria di Frank Sinatra dal titolo “Ciao Frankie”, fatto da un comico molto famoso in Italia Massimo Lopez, nonstante l’argomento celebrativo, è risultato una show molto divertente, dove le risate non si trattenevano!!!Un vero spasso!!

  2. v@lentin@ dice

    ….penso… penso…..proprio divertita?……?……?,.mi sa che devo impegnarmi di piu’ su questo fronte….grazie di avermici fatto soffermare!

  3. dice

    E’ successo la stessa cosa anche a me qualche settimana fa!! Una coppia di nostri amici ci aveva invitato a trascorrere la domenica in piscina alle terme. Ho accettato per la mia Vale (2anni) che adora i tuffi. Io non ne ero entusiasta affatto ed invece è stata una giornata fantastica, ci siamo divertiti tantissimo e ripromessi di rifarlo presto. Mi sono lasciata andare con la naturalezza che i bambini hanno in se, senza pensare e farmi tanti problemi.

  4. Elisabetta dice

    …..ma casca proprio a fagiolo questo post!!!
    io mi sono concesssa un paio d’ore di divertimento la scorsa settimana andando con mio marito al concerto di Ligabue, ogni anno vado ad un concerto di qualche cantante famoso, U2, Robbie W, Take that, vasco, insomma in qualche stadio, nella calca a saltare come una 15enne…:!!!!!quest’anno non volevo essere da meno , abbiamo lasciato la nana con i nonni e via…..!
    per il resto mi sono concessa 1 ora a settimana di corso di yoga e di imparare a fare l’uncinetto….
    diciamo che di regalini a me stessa me ne sto facendo parecchi….!e questo mi rende una mamma più felice ed una moglie più simpatica!

  5. dice

    che bello non ci devo pensare troppo! questa estate simo andati a Fiuggi con tutti i parenti e una giornata tranquilla è diventata un vero spasso…c’erano i giochini gonfiabili (ho desiderato tutta la vita di andarci) e complice la tenera età di mio figlio (non potevo mica farlo salire da solo su uno scivolo altissimo a 19 mesi ;) ?) me la sono spassata alla grande!!
    Ma non vedo l’ora che Matteo diventi abbastanza grande per portarlo ad Eurodisney dove davvero mi sono sentita bambina, non avevo ancora Matteo ma con lui sono sicura che sarà speciale.
    Certo che una volta ogni 3 anni è un pò pochino…allora sabato si va per boschi!!! come quando ero piccola col mio nonnino

  6. dice

    In effetti in questi giorni sto facendo una cosa solo per me stessa. Moooolto per me stessa. Non so ancora se andrà in porto, non dipende solo da me, ma… speriamo!

    L’ultima volta che mi sono divertita ma proprio proprio tanto? Credo sia stato 3 anni fa, quando abbiamo partecipato al festival degli artisti di strada di Castellarquato. Però di momenti (non giornate) di divertimento puro ne ricordo tanti. Per esempio, la sera che ci siamo intrufolati a vedere la colonia di pipistrelli e poi ridevamo come scemi (io e Luca) perché avevamo fatto una cosa proibita.

  7. dice

    Questa mattina mi sono alzata, con calma. Oggi niente lavoro. Solo io e la mia piccola Chiara. L’ho portata in cortile, ho spiluccato un pò di uva e poi via, col marsupio, a fare un giro nel paesello. Lei, appena ha visto il marsupio, ha fatto una bellissima risata. Ora dorme, felice.

  8. dice

    Ecco… io adesso sto pensando solo che la lista di cose da fare è più lunga della lista delle cose che vorrei fare solo per me. La prima, sopra ad ogni cosa, vorrei tornare nuotare tutte le settimane, e non solo quando capita.
    La seconda, una sauna-bagno turco-idromassaggio con le amiche. La terza, una giornata alle piscine termali, questa anche con le bimbe. Insomma, mi sa che ho qualche carenza dell’elemento “acqua”.
    L’ultima volta che ho fatto qualcosa solo per me in questi quattro anni… forse proprio una giornata alle terme con le amiche, ma Sveva aveva 8 mesi, mi pare. A gennaio fa 4 anni. Forse è ora di pensarci su…
    Un abbraccio

  9. silvia dice

    Stamattina ho letto il tuo post, sono andata al parco con la mia bimba e visto che non c’era nessuno sono salita sull’altalena…e sono andata “forte forte” come facevo da piccola…ti ho pensato e ho pensato che forse quel sorriso che mi è sfuggito poteva essere il mio piccolo Random act of kindness. Buona giornata cara Claudia.

  10. dice

    mi sa che è passato troppo tempo anche per me……..
    mi sa che è ora che faccio quel corso per istruttori cinofili che da tanto sogno di fare!

    cosa faccio telefono?
    al diavolo tutto e tutti, sì telefono!

    grazie

  11. dice

    ho sempre sognato di aprire un negozio, ma per paura del “pizzo” non l’ho mai fatto….
    adesso sono mamma di 2 bimbi una di due anni e uno di 3 mesi, mi sono regalata una macchina da cucire in offerta ed ho aperto il mio negozio sul web!!!
    un piccolo sogno realizzato, la sera crollo stanca morta…. però soddisfatta

  12. dice

    Voto fatto all’inizio di settembre:
    - 1 volta alla settimana estetista; quando le finanze lo permettono massaggio, se no manicure anche solo per un relax di mezz’ora
    - uscita 1 volta al mese con il maritozzo e senza la creatura
    MI impegno, oh sì se mi impegno…

  13. dice

    a me basta un week end in viaggio con le mie amiche una volta all’anno. non chiedo di più. a luglio samo state ad atene, l’anno prima a roma. niente di che. 48 ore in giro per l’europa a vedere musei e a gustare delikatessen locali.
    lo faccio anche con i miei figli ad agosto in verità.
    ma mi merito queste 48 ore “da sola”.
    ciao!

Lascia un commento