Ci penso io: un percorso didattico all'insegna del problem-solving
[Questo post è offerto da Bama] Sono nata sotto il segno della bilancia...
#KinderDiario e le Cartoline Attacca & Stacca
Qualche giorno fa vi ho parlato dell'app Kinder Diario, che sto testando...

Coltivare l’orto insieme ai bambini

Chloe

Avete mai mangiato un pomodoro appena colto dalla pianta? Se ci state
pensando, probabilmente significa che la risposta è no. Altrimenti ve ne
ricordereste, e non vedreste l’ora di farlo di nuovo.

Sono sempre più numerose le famiglie che coltivano la propria frutta e
verdura. In questo modo,
preservano l’ambiente.

Coltivare un piccolo orto è facile e divertente. Con un po’ di aiuto potete
iniziare a prepararlo questa primavera, e godervi le vostre verdure fresche nel
giro di un paio di mesi. Il bello è che siete voi a scegliere cosa coltivare e
quindi cosa mangiare.

Ecco qualche consiglio per iniziare:

PROGETTARE

La progettazione del vostro orto è una delle fasi più divertenti. Una volta
determinato lo spazio destinato alle vostre coltivazioni, potrete disegnarne
una pianta, indicando le varie piante che volete coltivare e la loro
collocazione.

Se avete un giardino, potrete disporre le vostre piantine in file parallele,
in cerchio o a zig zag. Leggete bene le istruzioni riportate sui sacchettini di
semi per stabilire la distanza tra l’uno e l’altro.

TROVARE UNPOSTO AL SOLE

Perché le piante crescano bene, è necessario che il vostro orto sia esposto
al sole per almeno sei ore al giorno.

INNAFFIARE

Nel progettare il vostro giardino, fate in modo di poterlo annaffiare
agevolmente, nel caso non dovesse piovere abbastanza.

PREPARAZIONE E MIGLIORAMENTO DEL SUOLO

Preparate l’area prescelta mescolando alla terra sostanze organiche (compost), preferibilmente biologiche.
Qualunque tipo di suolo abbiate, questo ne migliorerà la consistenza. Aiuterà i
terreni fangosi a dernare meglio e quelli sabbiosi a trattenere l’acqua. Ricoprite
di pacciame l’intera area. Il pacciame limita la crescita delle erbacce,
trattiene l’umidità, ha una funzione termoregolatrice ed è esteticamente
gradevole.

FERTILIZZARE

Diversi tipi di piante possono avere bisogni diversi. Leggete il pacchetto
dei semi per capire di cosa hanno bisogno le piante che avete scelto.

In ogni caso, il mulch biologico che avete utilizzato servirà anche a
nutrire le piante. Potreste non aver bisogno di altro.

TENERE SOTTO CONTROLLO GLI INSETTI NOCIVI

La cosa migliore da fare è togliere manualmente gli insetti dalla pianta e
metterli in un secchio con acqua e sapone. Ricordate, sarete voi a mangiare
queste verdure. Vorreste mangiare verdure impregnate delle sostanze chimiche
che avete utilizzato per uccidere gli insetti?

Lo sapevate? Molte specie di verdure crescono benissimo anche in vaso.

Quindi, se non avete un giardino, potrete coltivare i vostri pomodori in un
vaso sul vostro balcone.

Le piante più indicate per i principianti sono pomodori, cetrioli, ravanelli,
zucchine, peperoni e lattuga.

Progettate oggi per godervi le vostre verdure fresche domani. Assaggiare le
verdure appena colte dalla pianta sarà un’esperienza che ricorderete per tutta
la vita.

**********

Questo post è tratto dal blog di Marghanita ed è stato scritto in
collaborazione con Helen Yoest, scrittrice e coach
di giardinaggio. Helen promuove la sua attività sul sito Gardening with
Confidence
.

Potete seguire Helen su Twitter e su Facebook.

**********

Qui da noi fervono i preparativi per il nostro orto 2.0. Come l'anno scorso, i bambini partecipano attivamente ad ogni fase, divertendosi ed imparando a prendersi cura della Terra.

Marghanita
ci ha offerto, per l'occasione, il suo diploma di giardiniere in
italiano, da stampare e compilare insieme ai vostri bambini.

Scarica il diploma di giardiniere.

 Italian Grow you own<br />
veg garden

Commenti

  1. Debora dice

    Peccato non avere un giardino! Devo attrezzarmi con i vasi da balcone…almeno per coinvolgere i bambini.E’ un’esperienza davvero divertente e appagante. Buona settimana.

  2. dice

    Uff… il mio balcone è esposto al sole da mezzogiorno in poi e sono ben poche le piante che resistono al caldo estivo… Ci provo lo stesso?

  3. dice

    io ci proverò. ho una casa con un bel giardinetto e ho riservato uno spazio proprio alle piante da orto. e’ la prima volta che mi cimento: speriamo bene ;-)

  4. dice

    noi abbiamo fatto le patate l’anno scorso, un sacco di terra per vasi, ovvero torba, abiamo messo 5 patate vecchie e voilà , un sacco con un bel mucchio di patate novelle buonissime e vogliamo riprovare quest’anno..
    io in vaso ho gli aromi, ma mi piacerebbe ampliare la gamma…vedremo!!
    buon lavoro!!

  5. dice

    che bello claudia! vorrei passarlo su depuriamo, a te non chiedo permessi a ripetizioni perchè me li hai già dati, ma ho un dubbio: posso pubblicare come hai fatto tu i disegni quà sopra, o devo chiedere il permesso?
    Detto questo…. uno stimolo in più a fare l’orticello anche noi, una delle cose che mi riprometto di giorno in giorno e che ancora non abbiamo cominciato!

  6. Claudia dice

    Puoi usare le immagini linkando al sito di marghanita. Il file da scaricare invece è una mia esclusiva ;-).

  7. dice

    L’idea mi era balenata, purtroppo non abbiamo un giardino ma un balcone piuttosto lungo… peccato che dall’una in avanti in estate picchi un sole cocente e non so se resisterebbero… magari i pomodori??? Quasi quasi ci proviamo, chissà che bello raccogliere i frutti con il piccolo questa estate!!!!!!!
    grazie per lo spunto! :-D
    Roberta

  8. dice

    E’ buffo, proprio in questi giorni abbiamo cominciato anche noi a piantare e soprattuttto a fare dei bellissimi esperimenti di giardinaggio in casa. Sarà il nostro argomento in occasione della giornata della terra.Ho un libri bellissimo che tratta proprio l’argomento del giardinaggio con i bambini non necessariamente in giardino ma anche appunto sul terrazzo e soprattutto in casa. In particolare da qualche giorno abbiamo cominciato un fantastico progetto semplicissimo ma davvero divertente. Appena “cresce” un altro po’ ne scriverò :) Sono sicurà che anche se avete un giardino vi piacerà ;)
    P.S non sai quanto in questo momento il diploma sia perfetto per noi. Stampo subito…

  9. dice

    ho solo un cortile interno, piccolissimo e condominiale. con i palazzi vicini ho anche pochissimo sole e solo a luglio-agosto, un paio di ore al giorno (una goduria per il fresco, ma pessimo per le piante). e i pomodori appena colti li ho mangiati, che nonno teneva l’orto finchè ha potuto, e mi mancano tanto… sigh…

  10. dice

    oddio quanto mi mancano frutta&verdura veri, quelli che i miei nonni coltivavano nel loro orto della casa in campagna…loro erano contadini, quelli con la “c” maiuscola! quelli che sempre avevano vissuto così…
    quando loro non ci sono stati più con loro è sparito anche l’orto, che strano, io credevo che la verdura dei negozi fosse finta!
    non si può paragonare :(
    tra qualche settimana mia cara claudia mi trasferisco a casa nuova, un piccolo ma adorabile attichino! ecco, una delle mie fissazioni più grandi è propio questa> fare l’orto in terrazza!
    inutile dire che ti terrò aggiornata :)
    millebaci!

  11. dice

    Per gli insetti, con l’equilibrio ecologico giusto si possono evitare molti problemi. Ad esempio le coccinelline si nutrono di pidocchi. Mia madre nel suo orto ha fatto l’esperienza che, senza spruzzare nulla, i pidocchi attaccano una pianta soltanto (di fagioli ad es.) e lasciano stare le altre, un esperto di giardinaggio biologico ci ha spiegato che le piante comunicano fra di loro e se una si “ammala”, le altre si autoimmunizzano e non vengono attaccate dai pidocchi, perció osservare e lasciar fare “la natura”. Se invece i pidocchi diventano troppi, ha sempre funzionato spruzzare con acqua di ortica, anche se puzza molto. :) Inoltre é molto utile evitare la monocultura perché indebolisce il terreno e le piante, e attira in questo modo gli insetti nocivi e facilita malattie delle piante.

  12. dice

    Torno or ora dal travaso delle fragole sul balcone… ;)
    Vorrei aggiungere ai prodotti per principianti (ovvero quello che cresce anche a chi ha il pollice nero, soprattutto sul balcone) anche la rucola coltivata e le aromatiche, in particolare il basilico. E, incredibile a dirsi, le carote (oggi abbiamo colto la prima carota sul balcone!!)

  13. dice

    io ho il giardino e metto gli odori tipo basilico prezzemolo etc…mio figlio ha messo i semi di arancio e stà aspettando che escano gli alberi ;-) ho un albero di noci da cui faccio il nocino un liquore digestivo e metto i pomodori che dò all’insalata ai clienti del mio b&b non ti dico i complimenti e spesso gli preparo anche le cassette da portarsi a casa :-)

  14. Giulia dice

    Io ho letto il libro “L’insalata era nell’orto” Di Nadia Nicoletti, una maestra meravigliosa che ha portato l’orto come metodo educativo a scuola…..e dopo un libro così bello (lo consiglio a tutti anche solo per le vignette!!!) ho fatto un piccolo orto con i bambini del mio asilo…. E’ stato semplicemente magico.
    Un bacio a tutte e un augurio di poter provare a farlo con i vostri bambini…

  15. dice

    Poco tempo fa io e mio marito commentavamo la passione di Michelle Obama per l’orto (passione che lei cerca di divulgare proprio tra i bambini)e ci incoraggiavamo a vicenda per iniziare. Ora che anche noi finalmente ce l’abbiamo un orto potremmo cominciare (dentro di me speravo persino di svezzare mia figlia con le verdurine dell’orto) ma ci sono sempre tante cose da fare prima… (oppure da non fare per poter godere un po’ di più della natura) Il tuo post mi da’ un po’ di carica (come sempre d’altronde)!

  16. Laura dice

    Ciao Claudia, questo è il mio primo commento ad un tuo post (spero di riuscire ad inviarlo!!).
    Sono molto felice che tu abbia trattato questo argomento, la scorsa settimana abbiamo vangato la nostra piccola aiuola e oggi Diego e il nonno Giuliano hanno piantato l’insalata e seminato i primi radicchi. Purtroppo il nostro cortile non è molto soleggiato, ma mi auguro di ingrandire la nostra produzione nelle settimane a venire.
    Spero che il nostro piccolo orto oltre che produrre buoni frutti possa aiutare il mio cucciolo a capire “dove abitano” le verdure!!
    baci baci e complimenti per i nuovi mei tai… bellissimi!

  17. annanico dice

    e come sono generose le piante..bastano pochi accorgimenti e ti regalano tanto buon cibo.. vorrei segnalare a tutti un libro che ha ormai qualche anno “l’orto di un perdigiorno “di Pia Pera.

  18. dice

    Stavo giusto cercando uno stimolo in più per riuscire a coinvolgere la mia bimba nel giardinaggio sul balcone di casa! Oltre ai vasi classici si potrebbe usare qualche altro contenitore?

  19. dice

    bello questo diffondersi dell’idea dell’orto, molto istruttiva, defaticante per la mente delle mamme impiegate, come me
    anche io racconto “il nostro orto” e, insieme alla mia socia ortolana, cioè mia figlia, sono a buon punto con piselli, insalate, erbette, prezzemolo, e invisibili patate sotterranee…ciao elena

  20. dice

    Bellissimo questo post, come al solito!
    Noi per il momento ci limitiamo a coltivare le spezie sul balcone, proprio questo fine settimama abbiamo avuto una session con mani sporche di terra e tante risate. In balcone la mia piccola odora la piante con piacere e poi ci esercitiamo a riconoscere i colori…
    Un saluto

  21. dice

    ahahah…. allora ci devo assolutamente provare anche io…
    allora, fragole, carote e piante aromatiche, giusto?
    ma le fragole va bene anche se sono i semini?

Lascia un commento