Montessori: il Grande Equivoco
Nel corso di questi anni vi ho parlato molte volte della mia passione per...
Niente più Scuse: Minimalismo per Genitori
Molti di noi pensano che il minimalismo sia impossibile in una casa in...

E non è tutto…

 

Dopo il post sui diritti d’autore sono stata letteralmente sommersa dalle e-mail.

Da una parte, segnalazioni di blog-cloni del mio e di foto rubate. Li sto pattugliando uno ad uno e… no, non intendo linkarli. Gli farei un favore.

Dall’altra, persone che mi hanno citata sul loro blog e ora hanno paura che io stia parlando di loro.

Vorrei rassicurare queste ultime: parlare di me e dei miei lavori sui vostri blog non è reato. Pubblicare una mia foto in un post in cui parlate (rispettosamente) di me e della mia famiglia e linkate al mio blog, non solo è perfettamente legale ma è anche, per me, lusinghiero. Se avete un dubbio in merito, contattatemi pure e concorderemo le modalità di pubblicazione.

Pubblicare una foto di Leonardo in un post in cui si parla di un bambino con i capelli rossi nato da una squallida relazione extraconiugale è illegale, irrispettoso e decisamente di cattivo gusto.

Ispirarvi alle mie creazioni e condividerne il risultato sui vostri blog, sempre citandone la fonte, va benissimo. Anzi, sono io la prima ad incoraggiarvi a farlo e sono felice quando condividete le foto nel nostro gruppo flickr o quando me le inviate tramite e-mail.

Copiare le mie creazioni senza citare la fonte e metterle in vendita alla metà del prezzo (segno evidente che la qualità dei materiali è decisamente inferiore) è scorretto, illegale e soprattutto tristissimo segno di scarsa immaginazione.

A chi chiede a me cosa bisogna fare per tutelarsi non so rispondere. Chiudere il blog o togliere tutte le foto? Per qualcuno può essere una soluzione. A me il mio blog piace così, e così rimarrà. Almeno per il momento. Ovviamente resto all’erta e sono pronta, secondo i casi, ad emettere regolare fattura (o eventualmente denuncia) nei confronti di chiunque si permetta di sfruttarlo per i propri fini.

Ho la fortuna di avere una schiera di lettrici fedeli, pronte a segnalarmi il minimo sgarro. Ringrazio tutte coloro che si sono mobilitate per segnalarmi i vari abusi. Spero che in futuro non ce ne sia più bisogno.

 

 

 

 

Commenti

  1. dice

    Ciao Claudia,
    non avevo ancora letto questi post sui diritti d’autore e sono sconcertata!!!
    Mi era già capitato di imbattermi in casi come il tuo, blogger che si lamentavano che loro post fossero stati copincollati e spacciati come scritti da altri… ma nel tuo caso ci sono di mezzo dei bambini e questo rende tutto ancora più brutto.
    Finalmente posso commentare i tuoi post. E’ arrivato finalmente l’ADSL e adesso carico il tuo blog in un nanosecondo!!! E naturalmente riesco a commentare!
    Un bacio
    Francesca

  2. dice

    Mi spiace leggere queste cose, finchè si tratta di altre cose, ma i bambini no, i bambini per favore lasciamoli stare…
    ti abbraccio e ti ammiro per la tua chiarezza e forza di proseguire per la tua strada,
    Amalia

  3. dice

    Sono rimasta qualche post indietro… purtroppo era scontato immaginare che un blog (e prima ancora una donna e le sue idee) così bello come il tuo non sarebbero stati scopiazzati in malo modo, o che qualcuno non avrebbe preso le tue foto pensando che “Tanto nella rete, chi mi ritrova?”. Ho visto la stessa cosa anche su molti bei foodblog, e sul creativissimo portale di mammafelice. Anche se non immagino che gusto ci sarà, a spacciare per proprio il lavoro altrui, devo dire che la rete è piena di queste persone “furbe”. Vai avanti per la tua strada, non ti fermare!
    Un abbraccio

  4. mammafrau dice

    putroppo la gente è ignorante, e stupida, più spesso di quanto non se ne trovi di corretta e rispettosa..stanali tutti i copioni arraffoni!!!

  5. dice

    per fortuna io di questi blog-cloni non ne ho ancora trovati, sarà che non ho così tanto tempo di girare per la rete! però, Claudia, ricordati che vengono copiati Gucci, Fendi e Prada (!) e non CicciMucci o Gigiobagigio, e quando si è famosi questo bisogna metterlo in conto. con questo non giustifico, anzi, condanno.
    voglio però credere che i blog-cloni siano nati per ammirazione nei tuoi confronti e pian piano assumano un loro stile e un loro “taglio”, insomma spero nell’ingenuità e non nella malizia.
    il resto, la differenza, la fanno le tue affezionate lettrici che sanno da che parte sta l’originalità!
    in ogni caso ti consiglio di mettere un bel disclaimer, a chiare lettere, onde evitare, o almeno limitare, tutto ciò.
    un abbraccio Smile

  6. dice

    CLaudia, dimmi come hai fatto a scoprirli, in modo che eventualmente possa aiutarti a “monitorare” la rete.
    A questo punto poi sono anche preoccupata non tanto per i miei lavori che metto sul mio blog (non sono certo belli come i tuoi) ma per le foto delle mie bimbe e dei miei animali o dei viaggi ……….. uffa

  7. Nadia dice

    Mi spiace per quello che sta capitando al tuo blog e alle tue foto. Ti segnalerò tempestivamente ulteriori “copiature”. Un abbraccio

  8. dice

    Brava Claudia non linkarli e non segnalarli nel blog perchè ne trarrebbero pubblicità e traffico.
    Però ribadisco un conto è copiare un post un conto è usare le foto dei tuoi figli per parlare di tutt’altro!!!Sono disgustata! Un abbraccio a te e alla tua famiglia.

  9. dice

    Mi fa sempre un po’ paura questo aspetto di internet.
    Neanch’io non mi sono mai imbattuta in cloni del tuo blog.
    Comunque Immagino quanto sei arrabbiata e delusa.
    Ieri mi è capitata una cosa forse banale ma che mi ha per un attimo sconcertata.
    Mi è arrivata una richiesta di amicizia su facebook da una mamma blogger che fra l’altro stimo, e all’inizio mi sono chiesta come facesse a conoscere il mio nome e cognome dal momento che io nel mio blog non ho mai pubblicato il mio nome e cognome poi mi sono ricordata che come per il tuo sito anche nel suo sito per potermi iscrivere ho dovuto inserire la mia mail.
    Un po’ ci sono rimasta male anche perchè non trovo giusto che venga usata in questo modo.
    SO che non centra molto con il tuo commento, ma tutte queste cose mi spaventano e turbano la mia privace.
    un abbraccio
    rosita

  10. dice

    Mi dispiace Claudia, ci vuole un bel coraggio a prendere le foto dei figli di altri…anche perché, una volta scoperti, ci si mette un attimo a dimostrarne la paternità!!!

  11. Barbara dice

    E’ successo qualcosa di simile ad una mia amica che gestisce un bellissimo sito su agricoltura biologica e ricette vegetariane… Dal suo sito hanno scopiazzato persino alcuni giornalisti! Cmq credo che quando ci siano di mezzo dei bambini la cosa sia peggiore e sicuramente più grave, non solo legalmente ma anche moralmente! Tra l’altro l’universo Internet è troppo vasto, bisogna avere la fortuna di avere lettori affezionati (come i tuoi) che segnalino eventuali abusi. Forza!

  12. Bianconiglia dice

    Io trovo gravissimo l’abuso che è stato fatto dell’immagine dei tuoi bambini, anche perché sono una fissata della privacy (mia e altrui), ed è soprattutto per questo che non uso né facebook né twitter, non ho un blog e, pur seguendone molti, raramente commento. Temo comunque che si possa far poco per evitare certe scorrettezze. Avere un blog è un po’ come avere una casa con la porta fiduciosamente aperta: entrano i parenti, gli amici, qualche curioso che magari diventerà un amico carissimo, ma purtroppo possono entrare anche ladri e malintenzionati. Credo si possa solo stare all’erta e, in caso di abusi come quelli che ti sono stati segnalati, reagire utilizzando tutti i mezzi a disposizione. Mi dispiace davvero: chi ha approfittato in questo modo della tua generosità e buona fede è davvero un vigliacco.

  13. dice

    Ciao Claudia… questa è una mia gran paura…non tanto per le foto sul mio blog di lavoretti…ma per quelle di mia figlia… dopo aver letto i tuoi post…ho privatizzato il blog…e ora devo capire cosa fare per evitare che possa succedere…

  14. dice

    Ciao Claudia, ho seguito con un poco di apprensione questa vicenda e continuo a esprimerti la mia solidarietà. Però vorrei anche capire cosa ne pensi relativamente alle foto dei bambini sulla Rete. Perché anche io, come Bianconiglia poco sopra, sono forse fissata sulla Privacy: ultimamente ho tolto le foto dei miei bimbi anche da Facebook, dove già erano visibili solo agli amici. Anche perché penso una cosa: se mettessi una mia foto e la vedessi riprodotta su un altro sito mi darebbe fastidio. Ora partendo dall’idea che mio figlio non è mia proprietà ma è un individuo con una sua privacy, che in quanto minore deve essere tutelata da me genitore, ecco io mi chiedo: siamo sicuri che i nostri figli un domani saranno contenti di sapere che le loro foto girano sulla Rete? Se tu non avessi visto la foto di Leonardo abbinata a quell’articolo ma l’avesse trovata lui tra 10 anni, come avrebbe reagito?
    Con questo, sia chiaro, non voglio giudicare il tuo utilizzo del mezzo, ma vorrei davvero capire il tuo punto di vista. Grazie e scusa.

  15. dice

    Continua ad interessarmi molto questo filone :-) riprendo un punto che hai citato:
    “Pubblicare una foto di Leonardo in un post in cui si parla di un bambino con i capelli rossi nato da una squallida relazione extraconiugale è illegale, irrispettoso e decisamente di cattivo gusto.”
    Ecco hai citato in pieno un punto molto discusso nell’ambito dei diritti d’autore. quando per esempio le agenzie concedono i diritti di foto di modelli, è sempre specificato che può essere utilizzato solo in determinati ambiti e in modi non lesivi, con riserva di revoca della concessione.
    Perchè una foto di una modella per esempio può essere utilizzata:
    - per un articolo sullo stilista che ha creato i vestiti che indossa;
    - per un articolo sull’anoressia;
    - per un articolo sulla vita diurna delle pornostar;
    - per un articolo su come si diventa magri dopo la radioterapia;
    eccetera eccetera.
    Il fatto di aver acquistato una licenza d’uso non autorizza QUALUNQUE uso.

  16. dice

    Che tristezza, un conto è essere citati da altre persone, io stessa ti ho citato nel mio blog, un conto è far passare le cose come proprie…
    Ma per le foto, ci sono due modi per non farsele prendere, o renderle inservibili, si può metterci una scritta sopra, anche se ho il dubbio che come la si mette uno la possa anche togliere, oppure le si blocca proprio rendendo impossibile il copia incolla(ma io non sono una esperta e non lo saprei fare).
    Avevi già preso in considerazione immagino queste possibilità .

  17. Monica dice

    Ciao Claudia,
    leggo solo ora i tuoi post e condivido la tua amarezza nello scoprire l’uso improprio che alcuni fanno delle tue foto, soprattutto di quelle dei bambini…
    Hai fatto bene a ribadire che le foto sono tue e sei TU e solo tu a decidere che uso farne!
    Il fatto che tu le abbia pubblicate non significa che autorizzi gli altri a manipolarle….In un caso o nell’altro dovrebbero comunque chiederti il permesso!
    Qualche mese fa ho frequentato un piccolo corso sul Web 2.0 e abbiamo trattato l’argomento Diritti D’Autore. L’insegnante, anche lui grande appassionato di fotografia, ha “scoperto” che una delle sue foto era stata usata per un depliant pubblicitario. Inutile dirti che ha ottenuto il risarcimento per la violazione dei diritti d’autore con estrema facilità!!!
    Quindi Amica Mia, punisci ogni abuso!!!
    Dai un bacio ai tuoi MERAVIGLIOSI bimbi!

  18. dice

    Mi dispiace Claudia, ci vuole un bel coraggio a prendere le foto dei figli di altri…anche perché, una volta scoperti, ci si mette un attimo a dimostrarne la paternità!!!

Lascia un commento