10MinYoga
Vi ho parlato nei giorni scorsi dei nuovi progetti in cantiere. Uno di questi è...
Yoga al Mammacheblog
Quante volte mi avete detto che vorreste fare yoga con me? Ecco finalmente una prima...

Aspettando Halloween…

Biscotti halloween + grotta 042

 

Come dicevo l’anno scorso, Halloween non è una festa che abbiamo introdotto volontariamente in casa nostra. Si è insinuata poco a poco. Lo scorso anno l’abbiamo trascorsa in casa. Io con il mio pancione, Jean con la sua gamba rotta.

Quest’anno invece festa grande con tanti amichetti. Per l’occasione, persino i nostri tradizionali omini di pan pepato si stanno travestendo (l’idea è presa da qui).

Biscotti halloween + grotta 109

 

Finora avevamo sempre utilizzato la glassa già pronta, quella che si trova al supermercato. Chissà perché ero convinta che farla fosse qualcosa di estremamente difficile. Ma dopo aver letto questo post di mammafelice, abbiamo deciso di farla da noi. Estremamente semplice e divertente. Oltretutto la glassa fatta in casa si asciuga molto velocemente di quella già pronta. Alla fine la cucina era un vero campo di battaglia, ma ne valeva la pena.

 

Biscotti halloween + grotta 794

 

Spesso liquidata sbrigativamente come un’americanata, Halloween è invece una festività di origine irlandese. Secondo la tradizione celtica, nella notte di All Hallows Eve (la vigilia di Ognissanti) gli spiriti dei defunti tornavano a far visita ai vivi. Questi non li temevano affatto. Anzi, lasciavano per loro tavole imbandite. Da questa tradizione deriva, probabilmente, l’usanza del “dolcetto o scherzetto”.

 

001

Noi siamo pronti… e voi?

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Commenti

  1. dice

    ciao Claudia,
    a dire la verità ero una di quelle che ha sempre pensato che Halloween fosse effettivamente una grande americanata e non l’ho mai festeggiato! quanto ignorante mi sento!
    che belli gli omini /scheletri, bravissimi!
    noi non abbiamo fatto nulla, Sofia festeggia questa mattina all’asilo nido e quando ha visto le maestre vestite stranamente ha fatto un faccino sgomento. ci rifaremo l’anno prossimo, quando anche “capirà” di più. e poi lei sta già leggendo libri sul Natale! ;)
    buon halloween!!! :D

  2. dice

    che belli gli omini…fanno pauriiiiissima ;)))
    siete come sempre un portento.
    buon divertimento allora.
    io di bimbi non ne ho, ma ho comprato i dolcetti e voglio preparare dei sacchettini già pronti da dare a quelli che passeranno, così non ci saranno “capanze” come si dice qui.
    se ti va di passare da me c’è una cosina per te, ma ti anticipo che è senza nessun impegno, perchè so’ quanto sei oberata di cose da fare.
    un abbraccio
    ele

  3. Claudia dice

    Noi non lo festeggiamo certo alla maniera “commerciale”. I dolcetti sono fatti da noi e festeggiamo tra amici. Non andiamo a terrorizzare i vecchietti che in molti casi non sono affatto preparati. Ma, come dicevo nei post precedenti in merito, sono stati i bambini, in particolare Leonardo, a “portare a casa” questa festa. E qui da noi tutte le feste, appartenenti a qualsiasi cultura e/o tradizione sono bene accette.

  4. Giulia dice

    Quando ero ragazzina io, e studiavamo Halloween a scuola, nell’ora d’inglese, avrei sempre sognato di festeggiarla e che questa tradizione arrivasse fino a noi…la sera tra amici festeggiavamo in maschera (cioè con una gonna lunga e un cappello che vagamente ricordava una strega, magari prestati dalla nonna…) e passeggiavamo per città, vestiti da deficienti e considerati tali anche dai passanti! Ora mi vengono i brividi quando vedo organizzare in città feste come “shopping aspettando halloween”, negozi aperti la domenica, orde di bambini (ma anche tanti genitori!!) travestiti con tanto di sfilata per la mascherina migliore come a carnevale, mini fantasmi e mini vampiri che citofonano ad ignari vecchietti recitando: “dolcetto o scherzetto?” …evidentemente qualcosa è sfuggito di mano, e l’animo del commercio ha fatto la sua parte! Noi non “festeggiamo” Halloween, o almeno non vogliamo insegnare ai nostri figli a farlo in questo modo! Rimango ancorata ai mei “vecchi” tempi, narrando una leggenda lontana, magari anche scavando una zucca o disegnando un pipistrello o un ragnetto perchè è divertente ed è pur sempre un’esperienza che ci aiuta a conoscere qualcosa di nuovo (ed a rendere più simpatici personaggi che normalmente sarebbero paurosi), ma sapendo e trasmettendo ai miei figli che non è obbligatorio ed è qualcosa di non legato alla nostra tradizione.

  5. SimonaD dice

    Ciao, ma la glassa senza albume indurisce bene per decorare anche i biscotti? o hai fatto quella reale?
    grazie ciao SimonaD

  6. Annalisa dice

    Ciao Claudia, come al solito sai essere un’ottima mediatrice fra il mondo commerciale e il tuo mondo ricco di sensibilità. Devo confessarti che non sono molto esterofila in merito alle feste, anche perchè diventa sempre tutto un’occasione per vendere. Trovo invece che insegnare ai tuoi bambini a conoscere e condividere non solo le tradizioni nostrane ma anche quelle di altre nazioni li renderà pronti ad essere cittadini del mondo. Sei fortunata ad avere bambini così intelligenti. Brava a te che sai apprezzarlo!

  7. dice

    Che bello! ora che sono a casa in maternità mi posso dedicare con tranquillità a questa festa…voglio provare a fare gli omini di pan pepato e anche se tommy è ancora nella mia pancia penso che apprezzerà!!anche perchè io mi diverto come una bambina a fare queste cose…:))

  8. roberta dice

    Anch’io come Giulia non apprezzo tuuto il carrozzone che si è creato intorno ad halloween, ma per fare contente le mie bimbe e mediare un po’ ho preparato una merenda “terrorizzante” da portare a scuola, seguendo il blog di cucina Tempo di cottura:dita di strega e ossa di vampiri!Mi immagino la loro faccia domattina,e il loro “Grazie mammaaaaaa”;e così almeno per quest’anno sono sicura di avere sconfitto l’anima più commerciale di halloween e nello stesso tempo avere reso felici le mie bimbe, che ora che si fanno grandi, soffrono un po’ delle scelte fuori dal coro dei loro genitori…prossimo anno:omini di pan pepato(se trovo lo stampino)!

  9. dice

    Noi adoriamo Halloween. Che sia commerciale o meno a noi non importa. Come ha fatto Leonardo cara Claudia, anche Aj ha portato
    questa festa a casa nostra da subito. Io ho semplicemnte sfruttato questa sua passione e non ci trovo niente di male.
    Stasera, causa la mi influenza che ci tiene a casa festeggeremo in famiglia ma Venerdì grande festa con tanti amici. La casa è già addobbata. (praticamente non c’è un quadro da cui non penzoli una ragnatela :))Anche noi facciamo molte decorazioni da soli, ma non nego di possederne anche di comprate. Abbiamo intagliato la zucca e il cibo e i dolci sono fatti tutti da noi. Ragni di cioccolata, mani di strega, lasagne alla zucca ecc.
    Gli omini scheletro erano già nei nostri programmi, bellissima la tua versione colorata.
    Perciò se i nostri figli si divertono (e anche noi) che c’è di male, W halloween!!

  10. dice

    ops… non l’avevo vista.
    Li ho fatti e sono venuti buonissimi!
    Volevo farli con i bambini, mi aspettavo che con il più grande (ha 3 anni) ci saremo divertiti, invece è stato un disastro! Interesse quasi a zero! Volevano fare altro ed io ero alle prese con i biscotti. La prossima volta farò solo le decorazioni con loro.

  11. Claudia dice

    Prova a farli in un momento in cui non sei sola con loro, in modo che possano aiutarti se ne hanno voglia, ma che ci sia qualcuno che può occuparsi di loro quando si stufano (o se proprio non ne hanno voglia). Vedrai che dopo un po’ saranno loro a chiederti di fare i biscotti insieme!

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *