Mamma Imaginarium e la Testimonial Ideale
Come già sapete, gli sponsor di questo blog sono selezionati in base ad...
I nostri dolci momenti con Kinder Diario
Nelle scorse settimane mi è stato proposto di testare la nuova app di...

Qualcosa di Speciale

 

Ci sono giorni in cui il postino è una vera apparizione. Oggi è uno di quelli. Oggi mi ha portato questa meravigliosa lana (merinos + bambù) filata a mano, spessa e morbida come piace a me, e nei colori pastello, che sono i miei preferiti. L’ho acquistata un po’ di tempo fa su Etsy, da kcknits. I tempi di consegna dagli USA sono stati un po’ lunghi, ma ne valeva la pena. E’ davvero una meraviglia.

Insieme ho anche acquistato del’alpaca grezza, da cardare o da filare. La mia intenzione è quella di filarla. Ho la fortuna di avere un’eccellente maestra, Sylvie, disposta ad insegnarmi quest’arte che ho sempre desiderato apprendere.
Qui in Francia è difficile trovare della lana 100% naturale. Eppure non sono certo le pecore a mancare, soprattutto dalle nostre parti!

Ma non c’è proprio la cultura della “pura lana”. Se entrate in un negozio di filati e ascoltate le signore che parlano tra di loro, sceglieranno quella con la maggiore percentuale di acrilico, perché “la lana punge”. Evidentemente non conoscono la mia amata Merinos Otto, né filati come quelli fotografati qui sopra, che in effetti qui non si trovano facilmente.
L’unico posto nel quale ho trovato una buona scelta di filati naturali è La Droguerie, un negozio bellissimo (purtroppo il più vicino si trova a Lione) dove si possono trovare anche perle e perline (esposte in barattoli di vetro come fossero caramelle), cordoni, cordoncini, bottoni, accessori vari, modelli, libri e chi più ne ha più ne metta. Ma nonostante La Droguerie sia un paradiso e una vera gioia per gli occhi, le mie lane preferite restano quelle di Canetta, delle quali faccio incetta quando vado a Torino.
Per me è importante scegliere con cura i materiali che indosseranno i miei bambini, e mi rendo conto che questa cultura mi è stata inculcata (non so se volontariamente o no) a sua volta da mia mamma. Che magari avevamo un regalo solo per Natale, ma eravamo sempre vestite come principesse, e con questo non intendo all’ultimo grido, ma con abiti di grande qualità. Insomma, le fibre sintetiche proprio non le sopporto. Sono fredde, non lasciano traspirare la pelle, di conseguenza fanno sudare ed emanano terribili odori (cosa che non succede con il cotone o con la lana). Per questo non vestirei mai i miei figli in acrilico. Per non parlare del piacere di maneggiare una morbida lana naturale mentre la si lavora… vi assicuro che non ha pari. Quella della foto in alto me la sto coccolando come fa un bambino con il suo pupazzo preferito, in attesa di decidere cosa farne, ed è un vero piacere per i sensi!
L’unica eccezione la faccio per il pile, che pur essendo una fibra sintetica ha il vantaggio di essere ecologica (lo sapevate che lo si ricava dalle bottiglie di plastica riciclate?), economica e calda quanto la lana. Per andare a giocare in giardino, con una maglietta di cotone sotto ovviamente, è perfetto.
Ora non mi resta che aspettare giovedi’ prossimo, quando ospitero’ il Tricot-Thé Annecy in casa mia, e Sylvie mi impartirà la prima lezione di filatura…

Commenti

  1. rosyscrap dice

    splendido il tuo racconto, immagino la bellezza di quel negozio di Lione con tutti quei colori in esposizione “da favola”, hai ragione concordo sul fatto della insopportabilità dei sintetici ma io non sono brava a lavorare la lana sarà bello vedere cosa verrà fuori dalle tue mani

  2. valeria dice

    Che bella lana! Mi hai fatto venire voglia di avere un bel maglione morbido morbido fatto con questo bellissimo filato, il colore mi piace molto!PS. Non ti vedo molto “spettinata” e hai anche delle…sopracciglia curatissime. Mi fa piacere che il mio post ti sia piaciuto… Magari tra qualche mese ti potresti regalare un paio d’ore tutte per te… Aiutano tantissimo!

  3. mariaclaudia dice

    anch’io avevo intenzione di filare, per questo volevo andare sulle ande a comprare lana grezza, per fare tutto il processo partendo dalla materia prima, come descrive “Earthways”. sai cosa ? qui in perù la alpaca la filano sempre con il sintetico perchè appunto non la fa pungere, per cui anche l’alpaca che si compra a caro prezzo, se non punge, è filata con fibre sintetiche nella percentuale del 10-20%.

  4. La casa nella prateria dice

    Chiara, pare ci siano diversi filmati su.. ehm… utube, ma non sono ancora andata a vedere.Rosy, La Droguerie è una vera meraviglia! Da visitare se andate a Parigi o Lione…Valeria, se ti riferisci alla foto del mio profilo… beh, devo confessare, è stata scattata il giorno del mio matrimonio, quest’estate. Quel giorno si’, ero in perfetto ordine!Mariaclaudia, che peccato! Credo che la storia dell’alpaca che “punge” sia una scusa per infilarci dentro materiali più economici… la pura alpaca che ho acquistato finora, grezza o in gomitolo, è morbidissima… poi chissà, magari subisce qualche trattamento…Dawn, that’s exactly what I’ve been doing for the first 24 hours… touching and holding it, before I started knitting!

  5. SylvChezPlum dice

    Superbes, tant la laine que le “roving”.. Et l’ensemble que tu as tricoté avec est super mimi aussi. Vivement Jeudi ! :-P

Lascia un commento